Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La vittoria contro i pronostici

· Trionfo di Cameron alle legislative britanniche ·

Contrariamente a tutte le previsioni degli osservatori e dei sondaggisti, i conservatori del primo ministro britannico, David Cameron, hanno vinto le elezioni legislative, conquistando la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera dei Comuni. I Tory hanno ottenuto più di 327 seggi sui 650 dei quali è composto il Parlamento.

«Ci sarà un referendum sul nostro futuro in Europa» ha dichiarato Cameron nei primi commenti alla stampa, di fronte all’ingresso del n.10 di Downing Street. Il leader conservatore ha quindi assicurato che rimarrà «fedele alle promesse» elettorali, «a cominciare dalla devolution» per Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Il Regno Unito è fatto di «diverse Nazioni che hanno loro Governi» e questi «diventeranno più potenti con più responsabilità». In Scozia l’intenzione è di creare «un Governo più forte con potere di gestire il gettito fiscale» ha detto Cameron, che in mattinata si è recato a Buckingham Palace, dove ha ricevuto da Elisabetta ii l’incarico di formare il nuovo Governo.

Pesante sconfitta per i laburisti, che si sono fermati a 232 seggi. Il leader dei Labour, Ed Miliband, e Nick Clegg, vice premier uscente e leader liberaldemocratico, che ha ottenuto solo otto seggi (il partito ne ha persi quarantasei, crollando di quindici punti percentuali), hanno rassegnato le dimissioni. Nel Parlamento uscente la maggioranza era formata dai conservatori con trecentodue seggi e dai Libdem, con cinquantasei.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE