Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La vita è sogno

· ​Alle radici della pittura surrealista catalana ·

Salvador Dalí, studio per la prima versione della «Madonna di Port Lligat» (1949)

Solo pochissimi al di fuori della Spagna conoscono veramente il pittore Antoni Pitxot (1934-2015). E ancora meno i legami privilegiati che univano la sua famiglia ai due più grandi rappresentanti spagnoli della pittura moderna dall’inizio del ventesimo secolo, Pablo Picasso e Salvador Dalí.

La mostra attualmente allestita al Musée des Beaux-Arts di Tournai, in Belgio, ha il fine di svelare questa relazione artistica e al tempo stesso di rivelare — forse per la prima volta — le vere fonti del surrealismo catalano, dal Rinascimento all’epoca moderna.
Il pittore Ramon Pichot (1871-1925) — Pitxot è la versione “catalanizzata” del patronimico artistico che sceglierà suo nipote Antoni — fu uno dei migliori amici di Picasso a Parigi. Nel 1910 lo invita a trascorrere l’estate a Cadaqués, dove la sua famiglia possiede una magnifica proprietà affacciata sul mare. Questo soggiorno nel piccolo villaggio di pescatori in stile greco, imbiancato a calce e lontano da tutto come un’utopia — così come lo è anche il drammatico e tormentato paesaggio del vicino Cap de Creus — segna l’inizio di una nuova fase nell’evoluzione del suo programma cubista verso l’astrazione e la sintesi.

di Jean-Pierre De Rycke

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 giugno 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE