Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La Trumpcare
passa alla camera dei rappresentanti

· Con l’obiettivo di abolire la riforma di Obama ·

Donald Trump mette a segno un punto importante riuscendo a far passare al congresso la legge che dovrà sostituire la riforma sanitaria del suo predecessore Barack Obama. Ieri la camera ha approvato (ma con appena quattro voti di scarto, 217 sì contro 213 no) il progetto di legge della nuova amministrazione repubblicana che abolisce e sostituisce la riforma sanitaria messa in campo dai democratici, firmata da Obama nel 2010 ed estremamente contestata. 

Ora il confronto passa al senato. Il cambiamento, nel passaggio da un provvedimento a un altro, è soprattutto di mentalità. La Trumpcare afferma un principio: la tutela della salute non è più un diritto universale, ma un’opzione gestita dai cittadini. E dunque nessuno sarà più costretto a sottoscrivere una polizza pena il pagamento di una penale, come stabiliva la precedente legge. Cancellata anche l’incombenza per le aziende con più di cinquanta dipendenti, tenute a provvedere alla copertura sanitaria dei propri lavoratori condividendone i costi almeno nella misura del cinquanta per cento.

Cambia anche — sottolineano i media — lo schema di sussidi e crediti di imposta governativi che fin qui hanno aiutato soprattutto le famiglie con figli al di sotto dei 26 anni. L’amministrazione concederà crediti di imposta ai singoli individui e solo in base all’età e al reddito. L'accelerazione sul voto è avvenuta grazie all'aggiunta di otto miliardi di dollari per finanziare il provvedimento e destinati a coloro che soffrono di malattie prima di stipulare l'assicurazione sanitaria.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE