Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La trappola della strada

· ​Il simposio internazionale sulla pastorale per donne e bambini sfruttati ·

Il diritto all’infanzia, al gioco, al sorriso, deve essere assicurato a ogni bambino che nasce su questa Terra. E, allo stesso modo, il diritto alla maternità, al rispetto e alla dignità deve essere garantito a tutte le donne del mondo. 

Per questo, per studiare un itinerario da percorrere e offrire una via d’uscita a chi si è visto strappare brutalmente questo diritto, il Pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti ha organizzato il simposio internazionale sulla pastorale della strada, che vedrà riuniti, dal 13 al 17 settembre a Roma, 75 esperti provenienti da tutti i continenti impegnati quotidianamente nella lotta al fenomeno di bambini e donne “di strada”.

Nascere in un posto o in un altro del mondo non è una colpa né un merito. Una vita dignitosa deve essere garantita a tutti, in modo particolare alle fasce più vulnerabili come donne e bambini. Un solo bambino maltrattato o una sola donna sfruttata è un abuso da parte della società. Ma non parliamo di una o due persone, le cifre sono ben più alte. Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil), sono circa 21 milioni le persone vittime di lavori forzati nel mondo. Di queste, 11,4 milioni sono donne e 4,5 milioni sono sfruttate sessualmente. Solo in Italia si contano tra 50 e 70 mila vittime di traffico di esseri umani. Parlando, invece, di bambini di strada si raggiunge la soglia dei 150 milioni. Sono dati agghiaccianti e lo sono ancora di più se pensiamo che il fenomeno dello sfruttamento è una realtà sommersa, quindi priva di valutazioni complete e veritiere.

di Antonio Maria Vegliò
Cardinale presidente del Pontificio Consiglio
della pastorale per i migranti e gli itineranti

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE