Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Quella tenue voce di Dio

Le celebrazioni spirituali nell’ebraismo e nel cristianesimo, come pure nell’islam, sono momenti di quiete, di ricerca della pace, di riconciliazione e di affetto. Oltre ai convivi classici e ai brindisi, è l’introspezione ad accompagnarli, a dare sostanza e senso alla circostanza. È il momento di osservare da una posizione diversa ciò che accade nella vita quotidiana. È scalare la collina per contemplare dalla sua vetta la valle della quotidianità.

In occasione della Natività e dell’inizio di un nuovo anno, vorrei accompagnare i miei fratelli cristiani nell’osservazione critica della realtà di cui facciamo parte. A caratterizzare il presente, in molti luoghi, è la violenza. Attentati, aggressioni di ogni sorta, minacce, menzogne ripetute fino alla nausea con la pretesa di trasformarle in verità, zizzania che si semina costantemente affinché germini in odio, configurano gran parte dell’immagine dell’umano in questi ultimi giorni del 2017.

Negli ultimi decenni sono emersi movimenti di ogni sorta che pretendono di essere gli autentici interpreti delle loro religioni, predicano l’intolleranza e, nelle loro espressioni più radicali, addirittura uccidono in nome di Dio. Lo sviluppo della capacità di dialogare continua a essere un tema in sospeso in seno all’umanità. La parola sensata è la miglior barriera contro la violenza, quando chi si ha di fronte è disposto ad ascoltare. Ma messaggi vacui e spesso pieni di violenza stordiscono quanti si sforzano di ascoltare la voce che proviene dalla loro coscienza.

Di fronte a questa realtà, che cosa resta alla persona comune? Aggrapparsi con affetto e responsabilità a quanti l’accompagnano nel cammino della vita. Impegnarsi con i valori che sanno di giustizia, equità, misericordia e pietà e, per quanto possibile, diffonderli. È il minimo che si possa fare per non perdere la ragione, nel vortice demenziale che dà impulso alla vita postmoderna. Come in tutti i tempi, in quelli che furono e in quelli che saranno, possa la sensibilità umana percepire la tenue voce di Dio, perché questa è la caratteristica della sua voce, secondo il racconto scritto nel primo libro dei Re (19, 12), quando il Signore si è rivelato al profeta Elia.

di Abraham Skorka

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE