Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pace per l’Ucraina

· Al Regina caeli Papa Francesco esprime preoccupazione per la grave situazione del Paese ·

Papa Francesco è preoccupato per la «situazione grave» in Ucraina. Per questo, al termine del Regina caeli di domenica 4 maggio in piazza San Pietro, ha chiesto ai fedeli di pregare con lui per il Paese — in particolare per le vittime degli scontri di questi giorni — auspicando che «il Signore infonda nei cuori di tutti sentimenti di pacificazione e di fratellanza».

Nei pensieri del Pontefice anche la tragedia abbattutasi sull’Afghanistan con la frana che ha sepolto migliaia di persone nella provincia di Badakhshan. «Dio Onnipotente — ha invocato — accolga tutti nella sua pace e dia ai superstiti la forza di andare avanti, con il sostegno di quanti si adoperano per alleviare le loro sofferenze».

Il Papa — che in precedenza aveva aveva parlato del brano evangelico dei discepoli di Emmaus, invitando i cristiani a riaccendere nei cuori «il calore della fede e della speranza» — ha anche parlato della giornata nazionale per l’Università cattolica del Sacro Cuore, che si è celebrata domenica, confermando che, «a Dio piacendo, mi recherò presto a visitare qui a Roma la facoltà di medicina e chirurgia e il policlinico Gemelli».

Prima di recitare il Regina caeli, il vescovo di Roma aveva celebrato con la comunità polacca la messa nella chiesa romana di San Stanislao a via delle Botteghe Oscure, in segno di ringraziamento per la canonizzazione di Giovanni Paolo II.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE