Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La spiritualità cristiana del lavoro

· Messa del cardinale Bertone per i dipendenti dell’Istituto per le Opere di Religione ·

Lavorando insieme si risolvono tutti i problemi. E l’Istituto per le Opere di Religione (Ior), nonostante un anno tribolato, lo sta dimostrando, continuando a svolgere il proprio servizio come una buona famiglia, in unità di intenti, per il bene della Chiesa. È un augurio e un incoraggiamento quello che il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, ha espresso alla comunità dello Ior, martedì mattina, 11 dicembre, in occasione della messa celebrata in preparazione al Natale.

«La vostra è una comunità di lavoro peculiare», ha detto il cardinale nell’omelia, perché opera, «si potrebbe dire, quasi nel Palazzo Apostolico e, come per ogni comunità che si riconosce nei valori della religione e quindi della fede, deve coltivare nel suo seno quel modo di essere che supera le relazioni solamente materiali e umane e che si radica nella vita dello spirito».

Il lavoro «come servizio al prossimo, come mezzo per compiere il bene verso la propria famiglia e più ancora verso la società circostante, spesso smarrita e incredula, è inscritto — ha aggiunto il cardinale — nell’ampio progetto del bene comune tanto auspicato anche nella sfera economica, ed è precisa volontà di Dio». Così «la mèta di una spiritualità del lavoro consiste in una “pastoralità” feriale, alla quale tutta la Chiesa partecipa, vescovi, sacerdoti e laici, ciascuno impegnato affinché nessuno si senta escluso, non considerato, oppure, per la nostra indifferenza, senta lontano o inesistente anche l’amore di Dio». E il segretario di Stato ha invitato a pensare «a quanti non aspettano altro che di essere “cercati” per intraprendere la via del ritorno verso Dio, verso una vita onesta e coerente, verso un’esistenza conforme al progetto di Dio».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE