Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La speranza in Dio cambia la vita

· All’arrivo in Messico il Papa invoca il superamento delle rivalità e ricorda che nessun potere ha il diritto di disprezzare l’uomo ·

La speranza in Dio cambia la vita di ogni uomo e di ogni donna. La cambia «in maniera reale». Per questo gli uomini e le donne del Messico sono chiamati a viverla come «una convinzione profonda, trasformandola in un atteggiamento del cuore e in un impegno concreto» per costruire «un mondo migliore».

Accolto da una calorosa festa di popolo, con migliaia di persone accalcate lungo il percorso dall’aeroporto di Guanajuato a León, il Papa è entrato subito nel vivo di un viaggio che — ha detto rispondendo al saluto del presidente Calderón durante la cerimonia di benvenuto svoltasi venerdì 23 marzo — vuole rivolgersi a «tutti i messicani e raggiungere le nazioni e i popoli latinoamericani». Per invitarli a superare «nuove e antiche rivalità, risentimenti e forme di violenza» in vista di una stagione di concordia e di «autentico sviluppo integrale».

In questa opera di riconciliazione la Chiesa vuole fare la sua parte. Lavorando anzitutto a «una convivenza rispettosa e pacifica, basata sulla dignità di ogni persona umana, che nessun potere ha il diritto di dimenticare o disprezzare». E poi assicurando il suo sostegno a «coloro che patiscono la fame, sono privi di dimora, sono infermi o bisognosi in qualche aspetto della loro esistenza». Perché nessuno — ha ribadito il Pontefice — può essere «escluso per la sua origine o le sue convinzioni dalla missione della Chiesa».

Il discorso di Benedetto XVI

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE