Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La sorgente
della missione

· Il congresso eucaristico nazionale di Genova ·

Genova, 14. «L’Eucaristia sorgente della missione: “Nella tua Misericordia a tutti sei venuto incontro”»: questo il tema del ventiseiesimo congresso eucaristico nazionale attorno al quale, da giovedì 15 a domenica 18 settembre, si ritroveranno a Genova delegazioni provenienti dalle diocesi di tutta Italia. Dopo 93 anni il congresso eucaristico fa dunque nuovamente tappa nel capoluogo ligure. In quella circostanza, era il 1923 e si celebrava la settima edizione, per la prima volta nella storia di queste manifestazioni veniva nominato un legato pontificio nella persona del cardinale Gaetano De Lai.

In questa occasione, come è noto, l’inviato speciale pontificio è il cardinale arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco. Sarà proprio il presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei) a celebrare la messa inaugurale alle 20.30 di giovedì 15, in piazza Matteotti.

Il programma del giorno seguente, nello spirito dell’anno giubilare, sarà caratterizzato — rende noto un comunicato della Cei — dalla visita dei delegati a 46 luoghi simbolici della città, dove le quattordici opere di misericordia spirituale e corporale vengono esercitate quotidianamente: carceri, ospedali, centri di accoglienza e di ascolto, scuole, mense per i poveri. Particolarmente suggestivo si annuncia anche l’appuntamento principale di sabato 17: a partire dalle ore 16.45 si svolgerà l’adorazione eucaristica nella cornice del Porto Antico. Il Sacramento sarà portato a bordo di una motovedetta della Capitaneria di Porto che nei mesi scorsi è stata impegnata in missioni di soccorso ai profughi. Le giornate del congresso saranno comunque segnate dall’alternarsi di proposte spirituali — tra cui le catechesi affidate a otto vescovi, celebrazioni penitenziali e l’adorazione eucaristica notturna nella chiesa di San Matteo — e culturali, con visite alla città e manifestazioni musicali. Particolarmente intenso si annuncia anche il legame ideale con il convegno ecclesiale nazionale svoltosi a Firenze nel novembre scorso, i cui contenuti saranno presentati dai vescovi nelle catechesi del sabato. La messa conclusiva, preceduta dalla processione delle confraternite italiane, si svolgerà in piazzale Kennedy, alle ore 10.30 di domenica 18, e sarà presieduta sempre dal cardinale Bagnasco. La presidenza della Cei, viene ricordato, per evidenziare lo stretto legame tra l’Eucarestia e la carità vissuta, ha scelto proprio questa data perché si tenga in tutte le parrocchie italiane la colletta nazionale a beneficio delle popolazioni colpite dal sisma dello scorso 24 agosto.

A fornire concretezza alle giornate di Genova saranno anche due iniziative che, è stato annunciato, prenderanno corpo al termine del congresso. Si tratta di una missione diocesana dei giovani nei confronti dei loro coetanei e l’apertura di due strutture per l’assistenza ai senza fissa dimora, quali segni di missionarietà per l’intera Chiesa italiana.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE