Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La solidarietà può attendere

· Confermati i contrasti tra Paesi europei sull’accoglienza a profughi e migranti ·

Sull’immigrazione sarà «una discussione molto complicata». La solidarietà può attendere in Europa, come confermano fonti del Consiglio Ue che parlano di gravi disaccordi nell’attuazione dell’agenda adottata a fine maggio dalla Commissione, che prevede anche i ricollocamenti nei Paesi membri in due anni di 40000 richiedenti protezione internazionale (24000 dall’Italia e 16000 dalla Grecia).

Operatore soccorre un bambino migrante a Pozzallo (Ap)

I nodi su cui i ventotto sono ancora divisi restano i criteri della ridistribuzione dei migranti. È quindi molto probabile — sottolineano le fonti — che i provvedimenti vengano presi non prima di settembre, mentre la Commissione si era data inizialmente come scadenza il primo luglio. Non saranno prese decisioni nel consiglio Ue degli Affari interni di martedì prossimo. Un portavoce della presidenza di turno lettone dell’Ue si è limitato ad informare ieri che «ci sarà un ampio dibattito politico sull’agenda europea sul l’immigrazione e uno scambio di vedute sugli aspetti legati ai rimpatri, compreso lo stato dell’arte sui negoziati in corso». Il portavoce, peraltro, ha aggiunto che «dopo quella fra i ministri, ci sarà una discussione anche al Consiglio europeo di giugno, che darà le linee guida per l’ulteriore lavoro» da fare sul testo. Di fatto, si tratta di un’implicita e chiara conferma di come l’agenda della Commissione, così come varata, passerà difficilmente il vaglio del Consiglio, necessario a renderla operativa così come quello del Parlamento di Strasburgo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE