Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La sfida di Haftar

· ​Il generale leale a Tobruk contesta la legittimità del Governo di Al Sarraj e dichiara guerra ai Fratelli musulmani ·

Operazioni a ovest di Bengasi per colpire le ultime sacche di resistenza degli islamisti

Il generale Khalifa Haftar (Ansa)

Il generale Khalifa Haftar lancia la sua sfida al Governo libico di Fayez Al Sarraj. L’ufficiale che comanda le forze armate leali al Parlamento di Tobruk, in Cirenaica, ha dichiarato di «non riconoscere il Governo di unità nazionale» del premier designato Al Sarraj. «Non ho tempo da perdere con le Nazioni Unite. Non m’importa nulla delle decisioni del Governo, le sue decisioni sono solo pezzi di carta. Non penso che questa soluzione imposta dall’Onu avrà successo» ha detto Haftar ieri pomeriggio, in un’intervista alla televisione Libya Al Hadath. Haftar, che negli anni Ottanta fu uno dei comandanti dell’esercito del regime di Muammar Gheddafi, ha anche precisato le linee della sua azione politica e le ragioni della sua opposizione alla soluzione dettata dalle Nazioni Unite. Confermando la sua totale ostilità ai Fratelli musulmani e alla possibilità che possano rafforzare la loro posizione nel Governo libico — attualmente sostengono Al Sarraj a Tripoli — Haftar ha ribadito anche l’alleanza con Il Cairo. La serietà delle mosse di Haftar è confermata anche dalle operazioni condotte dalle forze militari che guida. Queste stanno mettendo in piedi una vasta offensiva su Sirte, città libica controllata dal cosiddetto Stato islamico (Is), costringendo il Governo di Tripoli a mobilitare a sua volta le sue milizie per fermare l’avanzata dei jihadisti. Proprio a Sirte, secondo un recente rapporto dell’organizzazione Human Right Watch, i jihadisti dell’Is hanno compiuto diversi massacri. E oggi il portavoce dell’esercito di Khalifa Haftar, Ali Al Mismari, ha annunciato che sono stati effettuati bombardamenti nella zona di Bawaba Qawarsha, a ovest di Bengasi, seconda città della Libia e culla della rivoluzione che ha deposto il regime di Gheddafi. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE