Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La scintilla di fuoco

· Ildegarda di Bingen fu anche scienziata e musicista ·

Donna autorevole, è una delle figure più grandi della cultura medievale

I ldegarda di Bingen (1098-1179) è una delle figure più grandi della cultura medievale: per la profondità della visione del mondo e per la poliedricità della sua produzione svetta all’altezza di personaggi come Giovanni Scoto Eriugena, Avicenna, Dante. È stato ormai da anni riconosciuto, dopo secoli di marginalità rispetto alle grandi correnti del pensiero medievale.

Fu una donna autorevole e dal monastero che essa stessa aveva fondato, staccandosi da quello in cui era stata cresciuta, ebbe contatti con le autorità del suo tempo, Papi e imperatori, così come con gli esponenti della vita ecclesiastica e intellettuale e della nobiltà. Viaggiò e, fatto eccezionale per quell’epoca, predicò pubblicamente. Il riconoscimento che oggi le viene tributato coinvolge teologi e filosofi, ma anche musicisti e persone che praticano la medicina naturale: le sue opere contengono stimoli potenti per ripensare l’esperienza complessa dell’essere umano che avverte, nel contempo, l’unità e il dissidio fra corpo e anima, fra sé e il mondo, fra destino individuale e collocazione storica.

Se Ildegarda non fu una “filosofa” nel senso scolastico della parola, nel suo sapere culmina quella “filosofia monastica” e profetica che si basa sulla lettura simbolica della realtà storica e naturale, guida alle cose invisibili mediante le cose visibili. Lettura simbolica, non “irrazionale”: perché una delle idee portanti nelle opere ildegardiane è proprio la valorizzazione della rationalitas umana, scintilla ignea dello Spirito divino, che fa dell’umanità l’opera precipua di Dio e le conferisce la libertà.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE