Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​La scienza e le donne

Quello di Angela Saini, pluripremiata giornalista scientifica, è un vero e proprio J’accuse contro gli stereotipi che relegano la donna ai margini, ledendone identità e dignità. Eloquente, in merito, è già il titolo del suo libro “Inferiori. Come la scienza ha penalizzato le donne” (Harper Collins Italia). Ed è alla scienza che il libro (tradotto dall’inglese da Raffaella Voi) rivolge domande fondamentali in funzione di un’equanime concezione della società. Le donne sono più adatte a crescere i figli?; I maschi sono per natura il sesso dominante? E quindi l’interrogativo più pregnante: la scienza è in grado di dare una risposta esaustiva e imparziale a tali domande? Quest’ultimo quesito riveste un’importanza nevralgica: basti pensare infatti che — sottolinea l’autrice — secondo Charles Darwin le donne si collocano a un gradino più basso dell’evoluzione. “Inferiori” dunque si configura come un libro di denuncia che, nello sfidare i preconcetti, scava nell’accesa diatriba tra i generi da un punto di vista biologico, psicologico e antropologico, per portare alla luce l’impellente esigenza — che interpella anzitutto il mondo scientifico — di perseguire, senza fuorvianti apriorismi, la verità sul genere femminile e i suoi incontestabili valori. (gabriele nicolò)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE