Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La rotta africana del nuovo presidente cinese

· Visita di Xi Jinping in Tanzania, Sud Africa e Repubblica del Congo ·

Passano anche attraverso l’imminente visita del presidente cinese Xi Jinping (atteso in  Russia) i progressi nei rapporti fra Pechino e l’Africa: Tanzania, Sud Africa e Repubblica del Congo sono le tappe di un itinerario, che si concluderà il 30 marzo, cui si legano significative prospettive di carattere economico
Alla vigilia del viaggio il presidente cinese, riferisce la France Presse, ha posto l’accento sull’intenzione della Cina di investire in modo deciso sulle risorse dei Paesi emergenti. Infatti Pechino attribuisce «un’importanza speciale» a queste Nazioni ed è alla luce di questo assunto che la missione di Xi Jinping assume particolare rilievo.
Il presidente cinese prenderà parte, a Durban, al vertice del Brics (che riunisce, oltre alla Cina, il Brasile, la Russia, l’India e il Sud Africa). Sarà questa un’occasione per ribadire il ruolo nevralgico che i Paesi emergenti sono chiamati a ricoprire nello scenario internazionale.
I rapporti commerciali tra l’Africa e la Cina sono intensi. Si stima che nel 2012 il volume di affari abbia sfiorato i duecento miliardi di dollari. E al riguardo il presidente cinese si è detto fiducioso di trovare nei tre Paesi che visiterà «orecchie ricettive» in merito a nuovi investimenti e a nuove iniziative di carattere economico. Citato sempre dalla France Press, Jonathan Holslag, dell’istituto di ricerca sulla Cina contemporanea a Bruxelles (Biccs) osserva che la Cina è destinata in futuro a giocare in Africa un ruolo sempre più importante.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE