Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La risposta al terrorismo
non può essere militare

· ​Intervento della Santa Sede ·

«Il terrorismo è una terribile realtà che colpisce tutte le parti del globo, distrugge innumerevoli vite, terrorizza le società e annienta le culture e le loro storie». Purtroppo «dobbiamo ammettere che la comunità internazionale non è sempre stata capace di prevenire e di frenare il terrorismo, specialmente in Medio oriente e in diverse zone dell’Africa». 

Questo il punto nodale della dichiarazione resa ieri a Ginevra dall’arcivescovo Silvano M. Tomasi, Osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali, alla 29ª sessione del Consiglio dei diritti umani.

«Nel considerare gli effetti negativi del terrorismo sul godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali, dovremmo anche essere chiari nel riconoscere che questi effetti continueranno, anzi peggioreranno, se gli Stati interessati e la comunità internazionale non si concentreranno chiaramente e velocemente sulle cause del terrorismo» ha spiegato Tomasi. Dal canto suo, la Santa Sede denuncia in particolare gli atti di terrorismo compiuti in nome della religione. «Il terrorismo è uno strumento politico per influenzare i comportamenti e raggiungere obiettivi attraverso la paura»; tali atti «distruggono i diritti umani, le libertà politiche e lo stato di diritto». Il terrorismo è dunque «l’antitesi dei valori e degli impegni condivisi che sono necessari per una coesistenza pacifica, nazionalmente e internazionalmente».

Nel suo intervento Tomasi ha voluto mettere in evidenza soprattutto gli effetti sociali del terrorismo, e in particolare come il più grande crimine di quest’ultimo sia il totale disprezzo per la vita umana. «Poiché il terrorismo non riconosce la dignità delle sue vittime, non resta nessun’altra ragione o logica in base alla quale gli altri diritti e libertà fondamentali della persona umana saranno rispettati» ha detto l’arcivescovo. E per questo motivo, «la risposta al terrorismo non può essere soltanto di carattere militare».

Il testo originale dell'intervento 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE