Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Riconciliazione
con Dio e con gli uomini

· I vescovi ugandesi e il viaggio di Francesco ·

Kampala, 13. «In un Paese come il nostro, dove sono mancati per decenni l’unità e il consenso nazionale, il Papa viene come un costruttore di ponti. Ci chiede di imitare Cristo che è venuto per servire invece che essere servito, ci invita a essere servitore l’uno dell’altro»: è quanto afferma il messaggio pastorale dei vescovi ugandesi diffuso in vista della visita di Papa Francesco, dal 27 al 29 novembre.

In un messaggio firmato dal presidente della Conferenza episcopale, monsignor John Baptist Odama, arcivescovo di Gulu, i presuli definiscono la visita “un privilegio”, ricordando che Papa Francesco è il terzo Pontefice a visitare il Paese africano, dopo Paolo vi e Giovanni Paolo ii.

Per tale motivo, i presuli invitano i fedeli a pregare per la visita, a compiere atti di carità nei confronti dei poveri e «ancor più importante», a «intraprendere ogni sforzo di riconciliazione e di amore reciproco», nella sequela di Cristo. «Mentre attendiamo la visita del Santo Padre — si legge nel documento — dobbiamo pregare per il rinnovamento spirituale e, allo stesso tempo, ricordare con gratitudine le tante benedizioni ricevute dal nostro Paese, come il dono dei martiri ugandesi e il sacrificio dei missionari. È grazie al loro sacrificio — sottolineano i presuli — che la Chiesa in Uganda è diventata quella che è: una realtà vitale, forte oggi di quindici milioni di fedeli e conosciuta per il suo contributo alla trasformazione sociale del Paese, attraverso le sue scuole, gli ospedali e programmi di promozione umana. Ma la visita del Papa — prosegue il messaggio — è anche un’occasione per riflettere sulle sfide della Chiesa in Uganda oggi». I presuli richiamano in particolare l’attenzione sul profondo divario esistente in Uganda tra la fede professata e gli stili di vita, tra il Vangelo e alcune pratiche tradizionali africane, come la poligamia, il “matrimonio di prova”, la stregoneria e addirittura i sacrifici umani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE