Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La ricchezza del Vaticano II

· Benedetto XVI a Frascati ribadisce il ruolo prioritario della dimensione educativa ·

Mandato della Chiesa è predicare verità e giustizia anche contro i potenti

I documenti del Concilio Vaticano II contengono una ricchezza enorme per la formazione delle nuove generazioni cristiane. Benedetto XVI - a Frascati ieri, domenica 15 luglio, per la sua trentesima visita pastorale in Italia - è tornato a ribadire l'importanza di quel forte periodo che la comunità cristiana si accinge a vivere, a partire dal prossimo mese di ottobre, quando a cinquant'anni dall'assise ecumenica inaugurerà l'Anno della fede e il Sinodo dei vescovi sulla nuova evangelizzazione.

È stata un'omelia ricca di contenuti quella pronunciata dal Papa durante le messa celebrata nella cittadina tuscolana. Ha ricordato la responsabilità di quanti Gesù chiama direttamente a collaborare alla sua missione, i quali non dovranno mirare mai a un'accoglienza favorevole o al denaro e qualora respinti devono continuare «a predicare ciò che Dio dice e non ciò che gli uomini vogliono sentirsi dire». La Chiesa, ha aggiunto, «non predica ciò che vogliono sentirsi dire i potenti»; non cerca applausi né potere umano. Il suo unico criterio «è la verità e la giustizia». La missione apostolica, ha ripetuto, deve sempre comprendere «la predicazione della Parola di Dio e la manifestazione della sua bontà con gesti di carità e di servizio». Per ciò è molto importante la formazione dei cristiani, in particolare dei giovani. Non a caso Benedetto XVI prima di guidare la preghiera mariana dell'Angelus a Castel Gandolfo ha riproposto la visione storica di san Bonaventura da Bagnoregio e lo stile di vita di san Francesco d'Assisi, sottolineando che l'opera di Cristo e della Chiesa progredisce sempre.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE