Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La realtà nella prospettiva di Dio

Dopo tre settimane di «buon lavoro» comune, di preghiera e di ascolto reciproco, si è conclusa la seconda assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per l'Africa. A sottolinearlo con semplicità è stato il suo presidente, Benedetto XVI, spesso presente e molto attento ai dibattiti di questi giorni. Che hanno portato un contributo importante non soltanto per la Chiesa, ma per il continente e l'intero scenario mondiale. Anche se i media internazionali — a parte qualche eccezione — hanno ancora una volta perso un'occasione, dimostrando poco interesse per questo esercizio di responsabilità collettiva e collegiale che da oltre un quarantennio è entrato a far parte dell'esercizio del primato del successore di Pietro.

La Chiesa di Roma è invece l'unica importante realtà planetaria che — in continuità con la sua tradizione — si pone di fronte alla globalizzazione senza fatalismi o rassegnazione, nonostante difficoltà e rischi innumerevoli. I cattolici sanno bene infatti che questo fenomeno mondiale può essere orientato, e cercano di farlo nel senso della fraternità e della condivisione. Contribuendo a rinnovare il modello di sviluppo per includervi tutti i popoli, come ha sottolineato con realismo l'enciclica Caritas in veritate in coerenza con l'insegnamento e la testimonianza soprattutto di Paolo VI e di Giovanni Paolo II. E come ha indicato chiaramente il viaggio del Papa in Camerun e Angola, dove con un forte gesto ha simbolicamente aperto i lavori sinodali.

Dalla sede del successore di Pietro, che «presiede alla comunione universale», viene così per tutto il continente africano un messaggio che nasce da tutta la Chiesa e dalla stessa Africa, raccogliendone esperienze, attese e progetti. Anche se la parola principale che il sinodo rivolge ai popoli del grande continente, dimenticato o sfruttato dalla comunità internazionale, è quella «che il Signore della storia — ha detto Benedetto XVI nell'omelia conclusiva — non si stanca di rinnovare per l'umanità oppressa e sopraffatta di ogni epoca e di ogni terra»: annuncio di speranza e di gioia perché il disegno e le promesse di Dio non mutano.

I lavori sinodali hanno corso il rischio, come il Papa ha lucidamente sottolineato, di due opposti pericoli: da una parte, una politicizzazione che rischiava di trasformare i vescovi in politici, anche se questa dimensione, quella politica, «è molto reale»; dall'altra, una spiritualizzazione astratta e disincarnata. Questo duplice rischio è stato però evitato. Nella consapevolezza che la riconciliazione, la giustizia e la pace non sono possibili senza quella «novità che deve risultare proprio dall'incontro con Dio» e senza la purificazione del cuore; nello stesso tempo — ha ripetuto ancora una volta Benedetto XVI — è indispensabile l'attenzione concreta alla realtà, ma nella prospettiva di Dio. Che vuole rinnovarla per guarire e illuminare l'umanità cieca e malata, bisognosa di salvezza anche se in molti casi lo avverte solo oscuramente.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE