Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La professoressa di Dio

· ​A Madrid la beatificazione di María Guadalupe Ortiz de Landázuri y Fernández de Heredia ·

Brillante docente e ricercatrice di chimica, riuscì a coniugare insegnamento e annuncio del Vangelo nel suo ambiente, in particolar modo tra i laici. Appartenente all’Opus Dei, di origine spagnola, vincitrice di due importanti premi scientifici, María Guadalupe Ortiz de Landázuri y Fernández de Heredia viene beatificata dal cardinale Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in rappresentanza di Papa Francesco, a Madrid in Spagna, sabato 18 maggio.

María Guadalupe nacque il 12 dicembre 1916, festa della Madonna della quale portava il nome, a Madrid, ultima di quattro figli. I suoi genitori erano Manuel Ortiz García, militare di carriera, ed Eulogia Fernández de Heredia y Gaztañaga. Fu battezzata il 24 dello stesso mese.

Essendo il padre un militare, la famiglia dovette spesso trasferirsi per seguirlo nei vari incarichi che gli affidavano. Dopo aver frequentato il Collegio La Emulación a Segovia, iniziò il liceo a Tetuán (Africa) e riuscì a concluderlo a Madrid nel 1933. Intraprese gli studi in Scienze chimiche all’Università centrale di Madrid, terminandoli solo dopo la guerra civile spagnola, nel 1941.

Conclusi gli studi universitari, nel 1941 diventò insegnante nel Colegio Liceo Francés e poi nel Colegio de las Irlandesas di Madrid. Il 25 gennaio 1944 l'incontro con san Josemaría Escrivá cambiò completamente la sua vita. In quel momento, sentì il desiderio incontenibile di donare la sua vita per compiere la volontà di Dio.

Da quel momento la sua vita si strutturò su due pilastri: ebbe incarichi e responsabilità sempre crescenti all’interno dell’Opus Dei e, allo stesso tempo, sviluppò la sua abilità in chimica, raggiungendo risultati notevoli nella ricerca scientifica.

di Nicola Gori

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE