Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La prima volta

Nel saluto ai giornalisti in volo verso la Polonia il Papa ha subito affrontato il tema che tutti si aspettavano: non l’insicurezza, però, ma la guerra, quella «a pezzi» di cui tante volte ha parlato. Precisando che forse non è «organica» ma certo organizzata. E il suo pensiero è andato a don Jacques Hamel, che ha definito «santo sacerdote» e accostato a tanti altri martiri, «quanti cristiani, quanti innocenti, quanti bambini», ricordando a tutti un grande paese africano flagellato dalla violenza e spesso dimenticato come la Nigeria. E soprattutto scacciando il fantasma nefasto della «guerra di religione», alimentato ad arte da chi semina odio: «Tutte le religioni vogliamo la pace; la guerra la vogliono gli altri, capito?» ha ripetuto.

Per la prima volta Francesco visita l’Europa centro-orientale e, appena giunto a Cracovia, ha detto di essere contento per questo esordio proprio nella patria di Karol Wojtyła, il predecessore che ha dato inizio alle giornate mondiali della gioventù e a cui stava a cuore che il Vecchio continente potesse respirare finalmente con i suoi due polmoni, orientale e occidentale, nutrito dalla «comune civiltà che trova nel cristianesimo le sue radici più solide». E, richiamandosi al senso della storia di Giovanni Paolo II e all’anniversario del battesimo della nazione, non a caso il Pontefice ha voluto elogiare la «memoria buona» prevalsa nella Chiesa in Polonia.

Due sono stati gli avvenimenti positivi dell’ultimo mezzo secolo segnalati dal Papa: il perdono scambiato tra gli episcopati polacco e tedesco un ventennio dopo la conclusione della seconda guerra mondiale e la dichiarazione comune tra la Chiesa cattolica in Polonia e quella ortodossa russa. Nel 1966 il regime comunista impedì a Paolo VI la visita in terra polacca per il millenario del battesimo e durante la celebrazione principale a Częstochowa un ritratto di Montini venne collocato su una sedia vuota per sottolineare l’impedimento. Ma già alla fine del decennio successivo l’elezione dell’arcivescovo di Cracovia segnò l’inizio di tempi diversi e poi, all’entrata nel secolo, novo millennio ineunte, aprì la strada alle successioni papali di un tedesco dopo il primo polacco, quasi a chiudere simbolicamente il conflitto mondiale, e quindi di un vescovo preso «quasi alla fine del mondo».

Oggi è dunque Francesco a visitare la Polonia, dove si celebra la giornata mondiale della gioventù, per incoraggiare la nazione e la Chiesa. Perché prevalga appunto la memoria buona e si rifletta sulla coincidenza di questo anniversario del battesimo con l’anno santo della misericordia, cuore del Vangelo ricordato da Paolo VI a conclusione del concilio, predicato da Giovanni Paolo II e annunciato da Faustina Kowalska. Su questo il Papa ha condotto una vera e propria meditazione durante la messa a Częstochowa, «capitale spirituale del paese», dopo aver dialogato con tutto l’episcopato riunito nella cattedrale del Wawel, sede per quasi un quindicennio dell’arcivescovo Wojtyła. Raccomandando ai fratelli vescovi soprattutto vicinanza: a tutto il popolo di Dio e ai loro sacerdoti, con una sollecitudine tutta particolare.

g.m.v

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE