Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La preghiera rende liberi

· All’udienza generale il Papa chiede che le famiglie siano sostenute dal lavoro e aiutate ad aprirsi alla vita ·

L’invito ai cattolici tedeschi per una nuova partenza missionaria nell’obbedienza e nella fiducia

La preghiera  aiuta a superare ogni forma di schiavitù, a liberarsi dalle contraddizioni,  e consente di vivere l’autentica libertà dei figli di Dio. In  poche parole «la preghiera ci rende liberi». Dalle lettere di san Paolo Benedetto XVI ha tratto spunto questa mattina, mercoledì 16 maggio, per proporre  ai fedeli  riuniti in piazza San Pietro per l’udienza generale una riflessione sulla forza della preghiera, «respiro quotidiano della nostra anima», per affrontare la «nostra debolezza e trasformarci da uomini legati alle realtà materiali in uomini spirituali».
Una riflessione resa necessaria dalla constatazione  che spesso l’uomo di oggi, come diceva san Paolo per il suo tempo, non sa come pregare in modo conveniente. «Vogliamo pregare — ha detto il Papa — ma Dio è lontano, non abbiamo le parole, il linguaggio per parlare con Dio, neppure il pensiero. Solo possiamo aprirci e mettere il nostro tempo a disposizione di Dio, aspettare che Lui ci aiuti a entrare nel vero dialogo». È qui che interviene lo Spirito Santo, il quale, ha spiegato il Pontefice, capisce la debolezza umana e se ne fa quasi interprete per far capire a noi stessi e a Dio ciò che vogliamo dire.
Evidentemente, ha spiegato ancora Benedetto XVI, la preghiera non ci esime dalle sofferenze ma ci aiuta a viverle in comunione con quelle di Cristo. E così mette in condizione di superare ogni schiavitù, come quella del male appunto, vivendo «l’autentica libertà dei figli di Dio». Ma, ha puntualizzato il Papa insistendo sull’insegnamento dell’apostolo, non è la nostra volontà a liberarci, come non è la legge a farlo: è lo Spirito Santo. La libertà che ci fa conquistare, ha specificato, non ha nulla a che vedere  «con il libertinaggio né con la possibilità di fare la scelta del male», perché «è frutto dello Spirito che è amore». E questa è «la vera libertà».
Rivolgendosi successivamente ai gruppi di fedeli presenti, Benedetto XVI  ha salutato e incoraggiato la Caritas internationalis. Quindi ha lanciato  un appello affinché  le famiglie siano sostenute dal lavoro e aiutate ad aprirsi alla vita.
Intanto, nel pomeriggio si è aperta a Mannheim la novantottesima edizione del Katholikentag, la tradizionale riunione dei cattolici tedeschi, ai quali il Pontefice  si è rivolto con un messaggio per invitarli a intraprendere «l’avventura di una nuova partenza» da vivere «nell’obbedienza e nella fiducia» in Dio. «Il contributo di tutti i battezzati alla nuova evangelizzazione — ricorda il Papa nel messaggio — è irrinunciabile».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE