Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La potenza di un sorriso

· A Bente Marei Stachowske il premio del festival della fotografia etica di Lodi ·

Si ha sempre gioco facile nel suscitare emozioni fotografando i bambini. Che piangano o ridano, che mostrino dolore o felicità, i loro sguardi riescono a colpire nel profondo chi osserva. Tanto che, quando le foto sono quelle di minori migranti, c’è sempre qualcuno pronto a parlare di uso strumentale del pianto o del sorriso di un bambino nel tentativo di scalfire i cuori più duri, per risvegliare un barlume di umanità. 

È accaduto con la foto del corpicino senza vita di Aylan riverso su una spiaggia e più di recente con quelle di altre piccole vittime di un naufragio; immagini che hanno scosso — almeno in parte, anche se solo per poco — molte coscienze assopite o intontite da troppe parole fuori luogo. Ma oggi c’è uno scatto che sta sortendo un effetto analogo, anche se fortunatamente racconta epilogo diverso, e nei giorni scorsi è rimbalzato sui giornali e soprattutto sul web. Madre e figlia sono salve a bordo della nave Sea Eye dopo aver navigato con altri migranti in condizioni precarie su un sovraffollato gommone alla deriva. Nonostante tutto la bambina sorride; un sorriso contagioso, un inno alla vita. E, avvolta in una coperta termica dorata, sembra un pacchetto regalo. Un regalo consegnato al mondo intero: il dono di una vita che non è andata perduta e che chiede di essere accolta. La foto, scattata dalla giovane fotografa freelance tedesca Bente Marei Stachowske, ha vinto il terzo premio nella categoria Single Shot Award - Giving voice to values, giving voice to hope, assegnato dalla giuria del World Report Award 2018 e che sarà consegnato nel corso del Festival della Fotografia Etica che 

si terrà a Lodi dal 6 al 28 ottobre. «Questa immagine — si legge nella motivazione — parla di gioia, innocenza e futuro. Racconta e condensa delicatamente la potenza di un sorriso, la forza dell’amore e una delle più importanti sfide per il nostro futuro: l’immigrazione». (gaetano vallini)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE