Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La parte migliore del tempo

· ​Alla centesima udienza generale del pontificato Francesco parla della preghiera in famiglia e invita a partecipare il 1° settembre alla celebrazione della giornata per la cura del creato ·

La «parte migliore» del tempo della famiglia è quella dedicata alla preghiera. Centesima udienza generale per Papa Francesco, che ai fedeli riuniti in piazza San Pietro mercoledì 26 agosto ha riproposto l’episodio evangelico di Marta e Maria per ricordare che «lo spirito della preghiera riconsegna il tempo a Dio, esce dalla ossessione di una vita alla quale manca sempre il tempo, ritrova la pace delle cose necessarie, e scopre la gioia di doni inaspettati».

Proseguendo la serie di catechesi incentrate sulla famiglia, il Pontefice ha sottolineato che lo spirito della preghiera abita in un cuore che ama il Signore e pensa a Dio «come la carezza che ci tiene in vita, prima della quale non c’è nulla». Per
questo «un cuore abitato dall’affetto per Dio fa diventare preghiera anche un pensiero senza parole, o un’invocazione davanti a un’immagine sacra, o un bacio mandato verso la chiesa».
Oggi il tempo della famiglia, ha riconosciuto Francesco, è generalmente «un tempo complicato e affollato, occupato e preoccupato. È sempre poco, non basta mai, ci sono tante cose da fare». Al punto che, ha osservato, «ci sono mamme e papà che potrebbero vincere il Nobel» per la loro capacità di «risolvere un’equazione che neppure i grandi matematici sanno risolvere: dentro le ventiquattro ore ce ne fa stare il doppio». In realtà, quando lo Spirito «ci insegna a dire “Padre”», allora «il tempo dell’intera vita famigliare viene avvolto nel grembo dell’amore di Dio, e cerca spontaneamente il tempo della preghiera». Da qui l’invito a mettersi in ascolto di Gesù attraverso la lettura del Vangelo e la preghiera comune, che nasce dal semplice segno della croce: «Ci sono bambini — ha notato in proposito il Papa — che non hanno imparato a fare il segno della croce! Ma tu mamma, papà, insegna al bambino a pregare, a fare il segno della croce: questo è un compito bello delle mamme e dei papà!».
Al termine dell’udienza, il Pontefice ha invitato a partecipare alla giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, che si celebra il prossimo martedì 1 settembre.

La catechesi del Papa  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE