Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Colombia la pace deve coinvolgere tutti

· Per l’arcivescovo di Cali va aperto un tavolo di negoziati anche con l’Eln ·

Bogotá, 15. Potrebbe avere effetti positivi l’eventuale coinvolgimento dell’Esercito di liberazione nazionale (Eln) nei negoziati di pace fra il Governo colombiano e le Forze armate rivoluzionarie (Farc) da tempo in corso a L’Avana. Ne è convinto l’arcivescovo di Cali, Darío de Jesús Monsalve Mejía, il quale alla stampa — secondo una nota inviata all’agenzia Fides — ha spiegato che in questi ultimi giorni sono apparsi elementi molto importanti da considerare. Il presule ha partecipato, come rappresentante della Conferenza episcopale colombiana, a diverse trattative per la liberazione dei rapiti dai guerriglieri dell’Eln e si è sempre espresso positivamente sui negoziati di pace: «Ho sentito che c’è disponibilità dalle parti. Il presidente della Repubblica Juan Manuel Santos è venuto a parlare con noi durante l’assemblea della Conferenza episcopale e ha ribadito la sua convinzione in questo dialogo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2018

NOTIZIE CORRELATE