Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La ong cristiana Awam in Pakistan

Nel corso della campagna elettorale che ha preceduto le elezioni pakistane dello scorso 11 maggio, la ong Association of Women for Awareness & Motivation (Awam), di ispirazione cristiana e guidata da Nazia Sardar, ha promosso una campagna di sensibilizzazione per i diritti e la dignità delle donne. Durata cinque mesi e portata avanti in modo capillare nel territorio di 42 sezioni elettorali femminili in quattro circoscrizioni di Faisalabad (nella provincia del Punjab), la campagna ha anche invitato le donne a partecipare al voto. Gruppi di cittadini, per ogni seggio elettorale, hanno visitato le comunità locali, associazioni, comitati e famiglie, condannando il voto di scambio e la compravendita di voti. Tutto questo ha però dato molto fastidio. In particolare due attiviste di Awam, Qurat-ul-Ain e Shabana Bashir, sono state pesantemente apostrofate per il loro «comportamento sbagliato» e minacciate di «terribili conseguenze» da esponenti della Pakistan Muslim League-N.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE