Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La non violenza arma di pace

· ​Nuovo appello del Papa per l’abolizione della pena di morte, la cancellazione del debito dei Paesi poveri e la rimozione del muro dell’indifferenza ·

La «testimonianza attiva della non violenza come “arma” per conseguire la pace» è stata rilanciata da Papa Francesco nel messaggio inviato lunedì pomeriggio, 11 aprile, ai partecipanti a una conferenza promossa dal Pontificio Consiglio della giustizia e della pace e dal movimento Pax Christi.

Nel testo — letto dal cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del dicastero organizzatore, durante la sessione inaugurale dell’incontro, che si conclude mercoledì 13 — il Pontefice richiama la necessità di favorire «l’incontro fra persone concrete e la riconciliazione fra popoli e gruppi» per «cercare vie di soluzione alla singolare e terribile “guerra mondiale a pezzi” che, ai nostri giorni, gran parte dell’umanità sta vivendo in modo diretto o indiretto». A questo fine Francesco ribadisce che «il percorso della non violenza, e in specie della non violenza attiva, costituisce un necessario e positivo contributo».

Il messaggio insiste su alcuni punti che «stanno particolarmente a cuore» al Papa. Anzitutto riafferma la «premessa fondamentale» che «lo scopo ultimo e più degno della persona umana e della comunità è l’abolizione della guerra». Poi ricorda che «il conflitto non può essere ignorato o dissimulato», perché è proprio attraverso la sua accettazione che «lo si può risolvere e trasformare». Inoltre avverte che «solamente considerando i nostri simili come fratelli e sorelle potremo superare guerre e conflittualità».

«Come cristiani, sappiamo che il grande ostacolo da rimuovere perché ciò avvenga è quello eretto dal muro dell’indifferenza» constata Francesco, precisando in proposito che non si tratta di «un linguaggio figurato» ma «della triste realtà». Un compito «grande» e «arduo» attende allora «coloro che operano per la pace vivendo l’esperienza della non violenza»: compito che consiste nel «conseguire il disarmo integrale “smontando gli spiriti”, creando ponti, combattendo la paura e portando avanti il dialogo aperto e sincero». In conclusione il nuovo appello del Papa, che invita a sostenere le due richieste avanzate in occasione del giubileo: abolire la pena di morte e cancellare il debito dei Paesi poveri.

Il messaggio del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE