Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La nave del dolore

· I corpi di ventisei giovani donne sbarcati al porto di Salerno ·

È già stata ribattezzata “nave del dolore”, quella da cui sono state condotte terra le salme di 26 donne, recuperate in mare tre giorni fa, dopo il naufragio di un gommone. Tutte molto giovani, si stima tra i 14 e i 18 anni, probabilmente nigeriane. 

Una bara con il corpo di una migrante (Ansa)

Il porto di Salerno ha ospitato l’ennesimo sbarco di migranti, ma accanto ai 375 profughi di varie nazionalità, la nave militare spagnola Cantabria ha trasportato anche i resti di una strage di ragazze che il prefetto della città campana, Salvatore Malfi, ha definito "una tragedia per l’umanità". Dalla stessa nave sono sbarcate dieci donne in stato di gravidanza e venti bambini sotto i 10 anni. Sono saliti a 37 i cadaveri di migranti trasferiti tra sabato e domenica in Italia a bordo delle navi schierate per il contrasto agli scafisti. Quasi duemila le persone tratte in salvo. I dati del Viminale indicano un calo del 30 per cento degli sbarchi quest’anno rispetto al 2016, ma negli ultimi giorni sembra esserci stata una ripresa dei flussi.

Proprio le partenze dalla Libia, dopo il drastico calo seguito agli accordi stretti lo scorso luglio con le autorità dei principali porti usati dagli scafisti, fanno suonare un campanello d’allarme Il ministro degli interni, Marco Minniti, ha ribadito che «l’accoglienza ha un limite, perciò abbiamo lavorato sul governo dei flussi che nell’ultimo anno sono diminuiti del 30,13 per cento. La strategia che abbiamo messo in campo è esattamente il contrario dell’emergenza. Sull’emergenza, valutazione di carattere politico, cresce il populismo». Intanto la procura di Salerno ha avviato degli accertamenti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE