Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La natura opera meravigliosa del Creatore

· Ai fedeli di Bolzano-Bressanone che hanno donato l'albero di Natale per piazza San Pietro ·

«Questa generosa iniziativa esorti tutti gli abitanti della regione a testimoniare nel proprio ambiente i valori della vita, dell'amore e della pace, che il Natale ogni anno ci raccomanda». Lo ha detto il Papa ai pellegrini della diocesi di Bolzano-Bressanone ricevuti venerdì mattina, 17 dicembre, nella sala Clementina, in occasione del dono dell'albero di Natale per piazza San Pietro.

Cari fratelli e sorelle!

Cari amici!

Con gioia porgo il benvenuto a tutti voi che mi fate dono del vostro bell'albero di Natale proveniente da Luson. Di tutto cuore saluto voi tutti, a cominciare dal vescovo Karl Golser, che ringrazio per le affettuose parole che mi ha rivolto. Con lui saluto i sacerdoti, i religiosi, i consigli parrocchiali e tutti i fedeli delle cittadine, dei luoghi e delle valli della vostra bella terra, che è profondamente plasmata dalla fede. Saluto il presidente della provincia che comprende il Sudtirolo e il sindaco della città di Bressanone. Li ringrazio per le belle parole che mi hanno rivolto e che mi hanno trasmesso veramente la sensazione di essere a casa in Sudtirolo e di essere avvolto e accompagnato dalla loro amicizia. Rivolgo un saluto anche ai rappresentanti della città di Bressanone e del comune di Luson, del circolo degli Schützen di Bressanone e della comunità distrettuale di Valle Isarco. Rivolgo un particolare «Grüß Gott» al sindaco di Natz-Schabs, che mi conferirà la cittadinanza onoraria, in ricordo della mia amata nonna da parte di madre, che nacque a Raas, una frazione di questo comune. Rivolgo un cordiale «Vergelt's Gott» per questo gradito segno del vostro affetto! Nel mio saluto includo anche tutti gli altri rappresentanti della vita pubblica nonché voi tutti che con i costumi tradizionali, la musica suggestiva e le specialità regionali siete venuti qui a Roma per far conoscere le tradizioni della vostra splendida terra.

So che questo particolare avvenimento ha risvegliato interesse e ha coinvolto tutta la popolazione della regione. Soprattutto, come ho appreso, le donne di Bressanone si sono impegnate nella preparazione delle stelle di paglia che sono decorazioni natalizie tipiche dell'area di lingua tedesca. Ringrazio voi tutti per il dono particolare di questo bell'abete rosso nonché per tutti gli altri alberi di Natale, che decoreranno il Palazzo Apostolico e l'area del Vaticano e che mi fanno anche sentire della presenza del Sudtirolo nel mio appartamento. Che questa iniziativa generosa esorti tutti gli abitanti del Sudtirolo a testimoniare nel proprio ambiente i valori della vita, dell'amore e della pace, che il Natale ogni anno ci raccomanda.

Quest'anno l'abete a piazza San Pietro proviene dalla pittoresca Luson non lontana dal Sass de Putia, sulle immense Dolomiti. La bellezza straordinaria di questo paesaggio ci invita a riconoscere la grandezza del nostro Creatore, il cui amore risplende in modo incessante nella sua opera meravigliosa della natura, per illuminare anche il cuore dell'uomo e colmarlo di pace e di gioia.

Cari amici,

di cuore auguro a tutti i presenti e ai vostri corregionali un Natale di raccoglimento e di spensieratezza. Vi assicuro che presso il Presepe pregherò per voi, per le vostre famiglie e per tutte le persone nella vostra regione e imparto a tutti voi la benedizione apostolica.

A tutti un Santo Natale!

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE