Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La morte
del cardinale Carlo Furno

Cordoglio per la morte del cardinale Carlo Furno, per tanti decenni collaboratore prezioso della Santa Sede, è stato espresso dal Papa in un telegramma inviato al cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio cardinalizio. Il cardinale Furno aveva da poco compiuto 94 anni. 

E' morto alle 21.10 di mercoledì 9 dicembre, al policlinico romano Agostino Gemelli, dove era ricoverato a seguito di una caduta. Diplomatico di lungo corso (era stato, tra l’altro, nunzio apostolico in Italia), arciprete emerito della basilica papale di Santa Maria Maggiore e gran maestro emerito dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, il porporato piemontese era nato il 2 dicembre 1921 a Bairo Canavese, in provincia di Torino e diocesi di Ivrea. Ordinato sacerdote il 25 giugno 1944, completata la formazione alla Pontifica accademia ecclesiastica, era entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede, svolgendo la sua opera in varie rappresentanze pontificie e in Segreteria di Stato. Da Paolo VI era stato eletto il 1° agosto 1973 alla Chiesa titolare di Abari, con il titolo personale di arcivescovo, e nominato nel contempo nunzio apostolico in Perú. Aveva ricevuto l’ordinazione episcopale il successivo 16 settembre. Nel concistoro del 26 novembre 1994 da Giovanni Paolo II era stato creato cardinale diacono del Sacro Cuore di Cristo Re. Nel febbraio 2005 aveva optato per l’ordine dei preti e la sua diaconia era stata elevata pro hac vice a titolo presbiterale. E l’anno seguente era passato al titolo di Sant’Onofrio al Gianicolo.

I funerali saranno presieduti dal decano del Collegio cardinalizio. Il Papa presiederà il rito dell’ultima commendatio e della valedictio.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE