Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La misura di ogni giudizio

· Messa a Santa Marta ·

È ricca di frasi e consigli di Gesù la pagina proposta dal Vangelo di Marco (Mc 2, 21-25) nella liturgia di giovedì 30 gennaio. Papa Francesco ne ha scelto uno tra tutti, per soffermarsi a riflettere in un dialogo costante con i fedeli riuniti nella cappella di Casa Santa Marta: «Con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi».

Tutti, ha esordito il Pontefice, devono fare i conti con la vita, sia nel presente, sia soprattutto alla fine dell’esistenza; e questa frase di Gesù «dice proprio come sarà quel momento», ovvero come sarà il giudizio. Perché — ha proseguito Francesco — se il passo delle Beatitudini e l’analogo capitolo 25 del Vangelo di Matteo mostrano «le cose che dobbiamo fare» — il come farle, lo «stile con il quale dovremo vivere» — la “misura” «è quello che il Signore dice qui».

Quindi con una serie di domande il Papa ha chiarito: «Con quale misura io misuro gli altri? Con quale misura misuro me stesso? È una misura generosa, piena di amore di Dio o è una misura di basso livello?». E «con questa misura — ha rimarcato — sarò giudicato, non sarà un’altra: quella, proprio quella che faccio io».

E ancora il Pontefice si è chiesto: «A che livello ho posto la mia asticella? Ad un livello alto?» e ha invitato a soffermarsi a pensare, non solo e tanto «alle cose buone che facciamo» ma «allo stile continuo» della vita di ognuno.

Ognuno — ha fatto notare Francesco ai fedeli presenti — ha infatti uno stile, «un modo di misurare se stesso, le cose e gli altri» e sarà lo stesso che il Signore userà con gli uomini. Quindi — ha chiarito — chi misura con egoismo, così sarà misurato; chi non ha pietà e pur di arrampicarsi nella vita «è capace di calpestare la testa di tutti», sarà giudicato allo stesso modo, cioè «senza pietà».

A questo il Pontefice ha contrapposto dunque lo stile di vita del cristiano, spiegando quale sia il modello. «E come cristiano – è stata la sua riflessione — io mi domando qual è la pietra di riferimento, la pietra di paragone per sapere se sono in un livello che Gesù vuole? È la capacità di umiliarmi, è la capacità di subire le umiliazioni». Al cristiano che non è capace di sopportare le umiliazioni, ha ribadito il Papa, «manca qualcosa. È un cristiano» che Francesco ha definito “di vernice” o “per interesse”. E in proposito ha spiegato: «Ma perché padre questo? Perché lo ha fatto Gesù», che «annientò sé stesso, dice Paolo: Annientò sé stesso fino alla morte e alla morte di croce. Lui era Dio ma non si aggrappò a quello: annientò sé stesso. Questo — ha concluso il Papa — è il modello da seguire».

Quindi come esempio di uno stile di vita definito “mondano” e incapace di seguire il modello di Gesù, il Pontefice ha citato le “lamentele” che gli riferiscono i vescovi quando hanno difficoltà a trasferire i sacerdoti nelle parrocchie perché ritenute “di categoria inferiore” e non superiore come ambirebbero e dunque vivono il trasferimento come una punizione. Ecco dunque come riconoscere il «mio stile», il «mio modo di giudicare» — ha commentato il Papa — dal comportamento assunto davanti alle umiliazioni: «Un modo di giudicare mondano, un modo di giudicare peccatore, un modo di giudicare imprenditoriale, un modo di giudicare cristiano».

Così riprendendo ancora la frase del Vangelo del giorno: «Con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi», Francesco si è soffermato sullo stile di Gesù, paragonandolo, ancora una volta, alla misura mondana. «Se è una misura cristiana — ha affermato — che segue Gesù, nella sua strada, con la stessa sarò giudicato, con molta, molta, molta pietà, con molta compassione, con molta misericordia. Ma se la mia misura è mondana e soltanto uso la fede cristiana — sì, faccio, vado a messa, ma vivo come mondano — sarò misurato con quella misura».

Ecco allora che la preghiera emersa a chiusura dell’omelia di Francesco è la richiesta della grazia di «vivere cristianamente e soprattutto di non avere paura della croce, delle umiliazioni, perché questa è la strada che Lui ha scelto per salvarci» ed è anche ciò che «garantisce che la mia misura è cristiana: la capacità di portare la croce, la capacità di subire qualche umiliazione».

di Gabriella Ceraso

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE