Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​La marcia delle madri

· ​Centinaia di donne ebree, cristiane e musulmane manifestano insieme per la pace ·

È molto di più di un flash mob, spiegano le attiviste di Women Wage Peace, un movimento senza leader organizzato grazie al passaparola che corre sui social network. Lo dimostrano i numeri: migliaia di donne ebree, musulmane e cristiane hanno camminato insieme in Israele per la pace durante l’ultima iniziativa dell’ottobre scorso, una marcia verso Gerusalemme lunga duecento chilometri. Accanto a loro c’era anche Leymah Gbowee, Nobel per la pace nel 2011 per la promozione della riconciliazione nel suo paese, la Liberia, alla fine della guerra civile del 2003. Le manifestazioni per chiedere dialogo e concrete soluzioni per porre fine ai conflitti sono iniziate dopo lo stallo delle trattative del 2014: «Non ci fermeremo — si legge nel sito dell’organizzazione — finché non sarà raggiunto un accordo politico che porterà a noi, ai nostri figli, ai nostri nipoti un futuro sicuro».

La marcia verso Gerusalemme dell’ottobre scorso

Purtroppo il piccolo grande miracolo di Women Wage Peace è stato quasi completamente ignorato da giornali e televisioni, confermando il triste adagio per cui le buone notizie non sono notizie “buone” per i media. Nel nuovo video ufficiale del movimento la cantante israeliana Yael Deckelbaum canta la canzone Prayer of the Mothers, la preghiera delle madri, insieme a donne e madri di tutte le religioni. Nel deserto, un gruppo di donne si ritrovano insieme a cantare, ognuna secondo la sua tradizione e cultura, ma unite dal desiderio di costruire insieme una convivenza possibile. Non facile, ma possibile, come spiega — con franchezza e non senza autocritica nei suoi libri — Leymah Gbowee. 

La guerra non devasta solo i corpi ma anche le anime, scrive Leymah, raccontando come la paura e le atrocità della guerra civile in Liberia avessero sconvolto la sua vita, trascinandola in una spirale di scelte sbagliate. Ma non è mai troppo tardi per imprimere la giusta direzione al corso delle cose e Leymah ne è la prova vivente: da vittima umiliata e offesa diventerà una delle più importanti attiviste per la pace in terra africana, guidando il Mass Action for Peace, e tessendo una preziosa rete di rapporti utili alla riconciliazione nazionale in un paese martoriato da rappresaglie e vendette. Con una protesta pacifica ma tenace, madri, mogli, sorelle hanno detto no agli stupri, al rapimento di ragazzini da trasformare in bambini-soldato, al massacro di civili inermi. Usando tutte le armi (non violente) possibili per accelerare il processo di pace. E continuando a raccontare la sua storia in tutto il mondo perché il suo esempio si diffonda a macchia d’olio in altri paesi — come il Congo, ma anche come la Terra santa — dilaniati dalla guerra. Per un cammino non solo di pace, ma di autentica riconciliazione fra vittime e carnefici, la sfida più impegnativa per ricostruire la società civile.
«Camminiamo vestite di bianco e di turchese, fianco a fianco» si legge sul sito di Women Wage Peace, che rilancia su Facebook l’invito a di reclutare quante più donne possibile: «Portate le vostre amiche, sorelle, madri e figlie. Sono benvenute anche le bambine, considerato che noi chiediamo pace e armonia nel loro nome e per il loro futuro».

di Silvia Guidi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE