Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La Madre
non è un optional

L’omelia di Papa Francesco durante la messa per la festa della traslazione dell’icona della Salus populi Romani, appena restituita a Santa Maria Maggiore dopo un restauro, è forte e commovente, con parole così calde e segnate dalla necessità di un totale affidamento alla Vergine quali forse mai erano state pronunciate da un Pontefice.

Ma quella che può sembrare, a un primo sguardo, soprattutto una totale adesione a una devozione popolare, se pure profondamente e storicamente radicata nella tradizione cristiana, si rivela a un esame più accurato molto di più. Le parole di Francesco, infatti, chiariscono che Maria — che il Papa non a caso fin dall’inizio chiama «la Madre» — non è una possibilità tra le altre offerta dalla devozione, ma è al cuore della fede cristiana: «La Madre non è un optional, una cosa opzionale, è il testamento di Cristo».

Un vero cristiano non può dunque fare a meno di Maria, la Madre: «È un grande pericolo vivere la fede senza la Madre, senza protezione», al punto che «non si può stare neutrali o distaccati dalla Madre». Una Chiesa che dimentica la madre, che dimentica che alla sua origine, all’origine dell’incarnazione e quindi della salvezza, c’è la generosità di una madre, è una Chiesa fredda, che ha perso il suo cuore. È l’amore materno, infatti, l’esempio dell’amore più totale e disinteressato, quello che fra i sentimenti umani può essere considerato più simile all’amore di Gesù per l’umanità.

Queste parole del Pontefice, allora, affermano — più di tante affermazioni generiche — quale è l’importanza e il ruolo delle donne nella Chiesa, di quelle donne che sanno portare l’amore e la protezione materna a conforto della fragilità umana.

Non è infatti casuale che, nello stesso giorno, Francesco — durante la sua visita alla basilica di Santa Sofia — dopo avere portato a modello tre vescovi, abbia poi ricordato la missione delle tante donne ucraine, venute da noi per svolgere quel lavoro di cura e di attenzione ai più deboli di cui vi è crescente necessità in una società che sta invecchiando rapidamente, donne che hanno portato nelle nostre case, insieme alla loro capacità di vicinanza affettuosa, anche «il conforto e la tenerezza di Dio».

Papa Francesco ha trovato, ancora una volta, e più che mai questa volta, una modalità inedita di sottolineare l’importanza e la necessità della presenza femminile nella Chiesa, toccando il cuore del problema. E cioè il ricordare sempre che il cristianesimo è una fede che nasce dal sì di una donna, e che, di conseguenza, senza il calore della presenza viva e riconosciuta delle donne la Chiesa rischia di diventare più simile a un ministero, a una burocrazia, che alla buona novella trasmessa dai vangeli. Le donne pertanto devono essere parte viva e ascoltata della Chiesa non perché l’istituzione si adegui ai cambiamenti sociali dei tempi, ma perché la maternità è il cuore del messaggio evangelico.

di Lucetta Scaraffia

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE