Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La lotta di Leyla

· Libertà di pensiero e azione delle donne nel libro "L'altra riva del Bosforo" ·

Leggendo il libro della scrittrice francese Theresa Révay, ambientato a Istanbul tra il 1918 e il 1923, L’altra riva del Bosforo (Vicenza, Neri Pozza, 2015, pagine 362, euro 15,90), non si può fare a meno di collegarne l’affresco storico-sociale alla vicenda di una terra simbolo, quale la Turchia, da un secolo a questa parte: giusto il tempo che il libro interpone tra sé e l’attualità più bruciante, ponendosi come incunabolo saggistico-letterario di un crogiolo di fatti, di uno stratificato groviglio di implicazioni, tra collasso dell’impero ottomano e successivi eventi politico-militari.

Una veduta di Istanbul

Ma il lettore si prepari anche a una storia d’amore, splendido e straziato collante tra i tanti agguati della realtà di cui è strutturata la trama, una passione narrata con straordinaria sensibilità tra cantico e tragedia, vertigine e verità. In casa di Selim Hanim, segretario del sultano Mehmet vi, maestà imperiale di un regno ormai al crepuscolo, regna l’umiliazione della resa incondizionata del Paese ai vincitori (inglesi, francesi, italiani e greci). Non solo, ma grava anche la confisca dell’abitazione a favore del capitano di fregata Louis Gardelle. Rende appena vivibile lo smacco nazionale e la forzata condivisione abitativa con l’ufficiale francese e la sua famiglia, la delicata presenza della moglie di Selim, Leyla, il personaggio chiave del romanzo, affascinante donna di intoccabile dolcezza e risoluta discrezione.
Fortunatamente la scomparsa del figlioletto Hamet di sette anni, persosi nei labirinti della città e per puro caso ricondotto ai genitori proprio dall’“invasore” Gardelle (incolpevole della problematica situazione, tanto da diventare poi amico degli Hanim), si risolve nelle prime pagine del libro, ma basta a sottolineare la fiera compostezza del padrone di casa e la sovrastante autorità di Leyla.
Se in qualità di dignitario d’ambasciata, Selim ha il suo daffare, stante il pesante clima d’armistizio a guerra perduta (deve tra l’altro recapitare un plico regale all’unico comandante in campo dell’esercito ottomano, Mustafa Kemal), dal canto suo Leyla Hanim è impegnata, oltre che in altre lodevoli attività, nella lotta per l’emancipazione delle donne musulmane, viste per tradizione, per legge e per comodità, sempre accanto ai loro mariti, uomini scelti “per” loro ma non “da” loro, con i quali raggiungere più che altro una tollerabile intesa coniugale.
Il libro di Révay fa luce quindi, parallelamente, sia sul versante storico e militare del sessennio 1918-1923 in cui si snodano le sue tre parti, sia su quello dei costumi, dei sentimenti, degli stati d’animo relativi al femminile di quell’oriente fascinoso e cosmopolita, segreto e ineffabile, qui incastonato tra una riva e l’altra del Bosforo. Un braccio di mare a sua volta protagonista di queste pagine, tra musicalità delle lingue parlate e cantate, inarrivabili colori di cose e case, abbigliamenti, sapori e profumi, tagli di paesaggio di sole e di luce, e nondimeno cupi e ostili.
Quando il racconto matura i suoi intrecci, le trame si dividono come i destini dei personaggi. Selim (che in incognito si è sposato un’altra volta) si allontana dal Paese, mentre Leyla, avendo ospitato in casa un certo Hans Kastner, giovane archeologo amico di suo fratello Orhan, votatosi con lui alla resistenza nazionalista e rimasto ferito in uno scontro con la polizia, finisce con l’innamorarsene, ricambiata. La contingenza avvierà entrambi verso una vita di difficoltà, complicazioni affettive, divieti morali e interdizioni legali. Di fatto, la scrittura dell’autrice predilige la storia d’amore, pur non trascurando di proiettarla sullo scacchiere degli avvenimenti (battaglie, attentati, strategie di truppe ufficiali e attacchi di partigiani, ma soprattutto miserie di popolo, violenze e migrazioni), né mai dimenticando la questione di fondo dell’indipendenza delle donne, della loro libertà di pensiero e di azione.

Negli occhi e nella memoria del lettore resta la città millenaria e ineffabile, tra le rive del Bosforo.

di Claudio Toscani

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE