Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La guerra non è la risposta

· All’Angelus il Papa ricorda la visita di sabato a Redipuglia e lancia un appello per la Repubblica Centroafricana ·

E agli sposi uniti in matrimonio raccomanda di non finire mai la giornata senza fare la pace

La guerra è una pazzia «dalla quale l’umanità non ha ancora imparato la lezione». Con ancora vivo nel cuore il ricordo della visita compiuta il giorno precedente a Redipuglia, anche all’Angelus di domenica 14 settembre Papa Francesco è tornato a parlare dei conflitti «che ancora oggi sono in corso» in varie parti del mondo.

Domandandosi «quando impareremo questa lezione» che la storia continua a impartire agli uomini senza apprezzabili risultati, ha invitato, «a guardare Gesù Crocifisso per capire che l’odio e il male vengono sconfitti con il perdono e il bene», e per comprendere una volta per tutte «che la risposta della guerra fa solo aumentare il male e la morte». In proposito ha citato i «numeri spaventosi» della Grande guerra — «si parla di circa 8 milioni di giovani soldati caduti e di circa 7 milioni di persone civili» — e alcuni dei drammi che affliggono l’umanità in questo particolare momento storico: come il conflitto in corso nella Repubblica Centroafricana, dove oggi (lunedì 15) inizi ufficialmente la missione voluta dalle Nazioni Unite per favorire la pacificazione del Paese e proteggere la popolazione civile. Il Pontefice ha assicurato «l’impegno e la preghiera della Chiesa cattolica» e incoraggiato «lo sforzo della Comunità internazionale», auspicando che «la violenza ceda il passo al dialogo» e che «gli opposti schieramenti lascino da parte gli interessi particolari e si adoperino perché ogni cittadino, a qualsiasi etnia e religione appartenga, possa collaborare» al bene comune.

Richiamando la festa liturgica dell’esaltazione della Santa Croce, il commosso pensiero di Papa Francesco è andato inoltre ai «tanti fratelli e sorelle che sono perseguitati e uccisi a causa della loro fedeltà a Cristo», specie «là dove la libertà religiosa non è ancora garantita o pienamente realizzata».

Infine il Papa ha affidato alla protezione della Vergine Maria le venti coppie di sposi che poco prima aveva unito in matrimonio nella basilica Vaticana.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE