Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La guerra dei narcos messicani

· Settemila morti dall'inizio dell'anno ·

La violenza dei narcotrafficanti messicani assume sempre più l'aspetto di una vera e propria guerra. Secondo quanto riferito ieri alla stampa dal  procuratore generale della Repubblica,   Arturo Chávez,   sono già più di settemila dall'inizio dell'anno le persone uccise nelle violenze legate al narcotraffico. Nel 2009 c'erano stati novemila morti. L'uso dell'esercito contro i narcotrafficanti, deciso dal presidente Felipe Calderón, non ha dunque portato per ora a risultati apprezzabili e anzi c'è un progressivo aumento delle violenze. Secondo i dati riferiti da Chávez, infatti, da quando Calderón si è insediato al  potere,  nel dicembre del 2006, i morti causati dalla criminalità  organizzata sono stati quasi 25.000. «Il Messico vive un problema che per decenni è stato in incubazione, e anche la soluzione richiederà molto tempo», ha detto Chávez.

A conferma di un'escalation delle violenze ieri per la prima volta i narcotrafficanti hanno fatto ricorso all'uso di un'autobomba, fatta esplodere  a Ciudad Juárez, la città dove si registrano il maggior numero di uccisioni al mondo escludendo le zone teatro di guerre dichiarate. Obiettivo dell'attentato erano le forze dell'ordine, fatte accorrere da una telefonata anonima che segnalava un'emergenza sul luogo dove era posteggiata l'autobomba. Nell'esplosione, provocata con un comando a distanza,  sono morti  due agenti di polizia e due passanti e altre undici persone sono rimaste ferite.

Secondo gli inquirenti, l'attentato sarebbe una rappresaglia per l'arresto nei giorni scorsi oltre confine, a El Paso, in Texas, di uno dei maggiori esponenti del narcotraffico.  Jesus Armando Acosta Guerrero, conosciuto come El  35, uno dei capi di La Linea, la struttura armata del cartello  criminale che controlla il narcotraffico a  Ciudad  Juárez.     Guerrero è   accusato di coordinare il traffico della droga  nel centro della città e di essere responsabile di diversi  omicidi di sicari dei gruppi criminali rivali, in particolare  gli uomini di un’organizzazione chiamata Artistas Asesinos,  dipendente a sua volta dal cartello narcotrafficante di Sinaloa.

Poche ore dopo la strage a Ciudad Juárez,  dodici persone sono   state uccise e altre 21, compresi tre ragazzi, sono state ferite in scontri tra l’esercito e narcotrafficanti  a Nuevo Laredo, al confine con il Texas. Il  ministero dell’Interno messicano ha specificato che sono morti nove narcotrafficanti, un militare e due civili.  La sparatoria ha  provocato il panico tra la   popolazione, bloccata nella zona dal fatto che le bande criminali avevano   sbarrato  numerose strade con autobus e camion.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE