Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La gratuità è ricchezza

· Il Pontefice ringrazia i volontari del servizio civile italiano per gli aiuti a profughi e terremotati ·

«La gratuità del volontariato rappresenta una ricchezza per la società»: lo ha assicurato il Papa ai settemila giovani del Servizio civile italiano ricevuti nell’Aula Paolo VI sabato mattina, 26 novembre. Nel suo discorso, il Pontefice ha elogiato l’impegno dei volontari nell’accoglienza ai migranti e nell’aiuto alle popolazioni colpite dai terremoti dell’Italia centrale, esortando anche — con un’aggiunta improvvisata al testo preparato — a «proteggere quanti sono in pericolo di un terremoto umano, che viene da dentro».

Definendo i volontari «forza preziosa e dinamica» Francesco ha evidenziato come «il progetto di una società solidale» sia «tradito ogni volta che si assiste passivamente al crescere della disuguaglianza; quando si riduce l’assistenza alle fasce più deboli; quando si accettano pericolose logiche di riarmo; o quando il povero diventa un’insidia». Tutti atteggiamenti che per il Papa rappresentano un vero “sfregio”. Ecco perché, ha concluso, i volontari devono «svolgere una funzione critica nei confronti di queste prospettive contrarie all’umano, e una funzione profetica che mostri quanto sia possibile agire in modo diverso».

Il tema delle conseguenze nefaste di certe scelte economiche era stato affrontato in un’altra prospettiva anche nel messaggio che il Pontefice ha inviato venerdì pomeriggio al simposio sulla gestione dei beni degli istituti religiosi, denunciando come «l’ipocrisia dei consacrati che vivono da ricchi» danneggi la Chiesa. «Dobbiamo domandarci — ha esortato — se siamo disposti a “sporcarci le mani”; se siamo davvero compagni di strada degli uomini; se ci facciamo sopraffare dalla logica diabolica del guadagno». Anche perché, ha chiarito, «il diavolo entra dal portafoglio o dalla carta di credito».

Il discorso del Papa ai giovani del servizio civile

Il messaggio ai partecipanti al simposio sulla gestione dei beni degli istituti religiosi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE