Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La Francia unita
contro l’antisemitismo

· ​Macron in visita al cimitero ebraico di Quatzenheim ·

Migliaia di persone si sono riunite ieri sera in Francia per protestare contro la preoccupante recrudescenza dell’antisemitismo, dopo due atti estremamente gravi, l’aggressione verbale sabato a Parigi contro il filosofo ebreo Alain Finkielkraut e la profanazione del cimitero ebraico di Quatzenheim, vicino a Strasburgo. Una mobilitazione organizzata in seguito a un appello lanciato da diversi partiti, organizzazioni e movimenti religiosi.

Emmanuel Macron al cimitero ebraico profanato (Reuters)

«La Repubblica è un blocco», ha affermato il presidente Macron, deponendo a Parigi una corona di rose bianche davanti al monumento della Shoah accompagnato dai presidenti dell’assemblea nazionale e del senato, poco dopo aver effettuato una visita a sorpresa nel cimitero alsaziano di Quatzenheim, dove è rimasto con indosso la kippah in raccoglimento diversi minuti, nel silenzio assoluto. «Prenderemo provvedimenti, faremo leggi, puniremo — ha promesso il capo dello stato fermandosi poi a parlare con la gente del paese — chi ha fatto questo non è degno della Repubblica. È con tutte le forze che abbiamo che daremo una risposta».
«Riunirsi è necessario per denunciare quello che non è accettabile», ha dichiarato a sua volta il primo ministro Edouard Philippe, una delle numerose personalità politiche a partecipare al raduno in Place de la République a Parigi accanto alla folla anonima con cartelli e striscioni con scritte come «No a banalizzare l’odio» e «Basta». Presenti anche i due ex presidenti della Repubblica, Nicolas Sarkozy e François Hollande, che ha tenuto a sottolineare che «l’antisemitismo non riguarda soltanto gli ebrei, riguarda tutti i francesi». Uniti contro l’antisemitismo anche i rappresentanti di tutte le componenti religiose e delle organizzazioni laiche che hanno invitato «al sussulto delle coscienze» di fronte a questi atti «che feriscono la Francia intera».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE