Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La forza di una nazione

· Chiesto dai vescovi statunitensi l’aumento delle quote d’ingresso per i rifugiati ·

Innalzare il tetto di accoglienza dei rifugiati a settantacinquemila: è questa la richiesta avanzata dal presidente della Commissione per le migrazioni della Conferenza episcopale statunitense, Joe Steve Vásquez, vescovo di Austin, all’amministrazione Trump. Proprio la settimana scorsa è stata infatti raggiunta la quota massima (cinquantamila) di persone che possono essere ammesse negli gli Stati Uniti per il 2017.

L’attuale presidenza ha varato a marzo un ordine esecutivo che abbassava le quote di ingresso da centodiecimila alle attuali cinquantamila. A nome dei vescovi, monsignor Vásquez ha già manifestato le perplessità della Chiesa, ma in una nuova lettera ha voluto esprimere ulteriore preoccupazione «per le conseguenze umane di questa limitazione e per il suo impatto sui rifugiati più vulnerabili come quelli non accompagnati, anziani e malati, oltre che per le minoranze religiose. Queste persone bisognose non saranno in grado di accedere alla protezione necessaria e continueranno ad affrontare pericoli e sfruttamenti. Dobbiamo essere consapevoli che ogni rifugiato è più di un numero, è un figlio di Dio».

Nell’appello, l’episcopato ha ribadito che limitare gli ingressi a cinquantamila non risponde ai reali bisogni di accoglienza, visto che i rifugiati nel mondo sono circa ventidue milioni e «non riflette la nostra compassione e la nostra capacità di nazione. Crediamo fermamente che gli Stati Uniti abbiano le risorse per aiutare i più vulnerabili e chi è in cerca di protezione. La Chiesa continuerà ad accogliere e ad accompagnare i rifugiati giunti nel paese e a garantire i servizi necessari».

Anche per monsignor Nelson Jesus Perez, vescovo di Cleveland, «la Chiesa è chiamata ad accompagnare i migranti, con un supporto di carattere non solo spirituale. È chiaro che una nazione ha tutto il diritto di poter difendere le proprie frontiere, ma lo deve fare rispettando i diritti e la dignità delle persone».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2018

NOTIZIE CORRELATE