Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per la formazione
dei giovani preti

· Preghiera, cammino, condivisione ·

Pregare, camminare e condividere: è il triplice compito affidato dal Papa ai giovani preti «che vivono la gioia degli inizi del ministero e insieme ne avvertono il peso».

Nell’udienza ai partecipanti all’assemblea plenaria della Congregazione per il clero — ricevuti in Vaticano stamane, giovedì 1° giugno — Francesco si è soffermato soprattutto sulla necessità di una buona formazione del giovane prete. Egli, infatti, «vive tra l’entusiasmo dei primi progetti e l’ansia delle fatiche apostoliche nelle quali si immerge», e di conseguenza «le sue spalle iniziano a essere gradualmente gravate dal peso della responsabilità, dai numerosi impegni pastorali e dalle attese del popolo di Dio».

Ecco allora — ha suggerito il Pontefice — che chi si occupa di formazione dovrebbe domandarsi di cosa necessiti il giovane sacerdote «perché i suoi piedi non si paralizzino davanti alle paure e alle prime difficoltà» e perché non abbia «la tentazione di rifugiarsi nella rigidità o di lasciare tutto ed essere un “disperso”». E la risposta a questi due interrogativi è stata suggerita dal Papa direttamente ai giovani preti, con l’esortazione a fidarsi di Dio: egli — ha spiegato — «dopo avere fatto innamorare il vostro cuore, non lascerà vacillare i vostri passi. Ai suoi occhi siete importanti ed egli ha fiducia che sarete all’altezza della missione a cui vi ha chiamati». Per questo, ha sottolineato con particolare enfasi, «è importante che i preti giovani trovino parroci e vescovi che li incoraggino, e non solo li aspettano perché c’è bisogno di ricambio e di riempire posti vuoti». In proposito il Pontefice ha denunciato la tendenza a «riempire quei posti con gente che non è stata chiamata dal Signore» e ha raccomandato “prossimità” perché «non si può far crescere e santificare un sacerdote senza la vicinanza paterna del vescovo». Solo così, ha concluso, è possibile evitare il rischio «del “prete burocrate”, che è “chierico di Stato” e non pastore del popolo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE