Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La filosofia serve a vivere

· Nell’ultimo saggio di Giorgia Salatiello ·

I quattro capitoli in cui si articola l’ultimo saggio di Giorgia Salatiello, La consulenza filosofica, l’accompagnamento spirituale e gli esercizi ignaziani (Napoli, Chirico, 2017, pagine 112, euro 10), delineano l’asse della ricerca: Presupposti antropologici comuni; l’accompagnamento spirituale; gli esercizi spirituali di Sant’Ignazio; la consulenza filosofica. 

Shiloh Sophia Mccloud  «Ascoltando le istruzioni divine» (2013)

Un interrogativo, espresso nella presentazione da Guido Traversa, attraversa tutte le pagine: «Quale potrebbe essere un contributo teorico e ad un tempo pratico alla cosiddetta consulenza filosofica?». Le tre pratiche si palesano del tutto differenti fra di loro e pongono seri problemi di accostamento. La sfida è proprio quella di rintracciare un comune fondamento antropologico che rispetti le diversità, pur lasciando lo spazio al confronto. Si raffrontano due orientamenti: quello spirituale e quello filosofico, puntando a una armonia. «Tra i presupposti antropologici individuati nel primo capitolo emerge, per la sua centralità, quello dell’apertura, ovvero della capacità di andare sempre oltre se stesso». È in gioco quindi una visione dinamica della vita, sempre in tensione verso mete ulteriori rispetto alla realtà attuale. In tutte e tre le pratiche viene messa a fuoco una convergenza, «si realizza un incontro tra due soggetti, uno impegnato in prima persona in un cammino liberamente scelto, e l’altro in atteggiamento di ascolto e di disponibilità a fornire un sostegno ed opportuni strumenti di supporto». Accompagnatore e accompagnato non devono fondersi o annullarsi, quanto piuttosto procedere all’unisono nel cammino. L’autrice afferma di aver compiuto un duplice atto di fiducia nell’aver voluto accostare le tre pratiche in un’unica trattazione: «In primo luogo, nell’essere umano, che può continuamente crescere uscendo dalle strettoie di quello che è già dato e, in seconda istanza, nel valore della relazione interpersonale, faccia a faccia, in cui una persona si volge alle esigenze ed alle aspirazioni profonde dell’altra in un rapporto che può risultare costruttivo e ricco di profondo significato».

di Cristiana Dobner

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE