Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La fede
è più forte dell’orrore

· ​Messaggio di Tawadros II dopo la strage di pellegrini copti ·

«Sappiamo che tali eventi non colpiscono solo i cristiani ma l’intera società egiziana, e sappiamo che la cosa più preziosa che abbiamo è la nostra unità e coesione. Come è successo in passato, tali eventi aumentano la nostra forza e rafforzano la nostra solidità». È un messaggio di fede e speranza, insieme a una preghiera per la pace e l’unità del paese, quello contenuto nel breve video che il patriarca copto ortodosso Tawadros II ha diffuso in seguito al tremendo attacco terroristico del Minya, rivendicato dal cosiddetto stato islamico, che venerdì 2 novembre ha provocato la morte di 11 pellegrini di cui 3 bambini e 7 donne. Un evento sanguinoso, purtroppo non il primo del genere che ha sconvolto la comunità cristiana copta, per il quale domenica scorsa all’Angelus, come è noto, Papa Francesco ha espresso «dolore» insieme alla preghiera «per le vittime, pellegrini uccisi per il solo fatto di essere cristiani».

Dolore e invito alla preghiera sono anche i sentimenti espressi da Tawadros II il quale sottolinea come «in questo giorno siamo sconvolti nel vedere questo incidente che ha colpito la vita dei nostri figli, martiri e feriti mentre erano in cammino verso il monastero di San Samuele il Confessore». E, tuttavia, ha aggiunto, «nella speranza della risurrezione, noi sappiamo che Dio Onnipotente vede tutte le cose e regola tutti gli eventi nelle nostre vite». Anche per questo, come riferisce l’agenzia Fides, i copti non chiuderanno le chiese e non daranno seguito agli appelli di chi invita a sospendere le ordinarie attività liturgiche e pastorali nel mese di novembre come segno di lutto e di denuncia delle violenze subire.
Nel suo messaggio il capo spirituale della più numerosa comunità cristiana del Medio oriente ha poi parole di ringraziamento per il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi, i ministri e il personale medico, che in più ospedali ha fornito assistenza sanitaria e sociale a coloro che sono rimasti coinvolti nell’attentato. Il governo, secondo quanto riferito dagli organi di informazione, ha stanziato per ciascuna delle famiglie delle vittime un primo contributo di solidarietà pari a 100.000 sterline egiziane.
Soprattutto, quello di Tawadros II è un appello all’unità. «Alziamo i nostri cuori al cielo e preghiamo per questi martiri, per la guarigione dei feriti, per coloro che stanno soffrendo a causa di questo incidente, per la sicurezza del nostro paese e il mantenimento della pace e anche preghiamo per coloro che hanno causato questo incidente provocando dolore e angoscia».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE