Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La fede di Pietro

Nell’ultimo sessantennio ben tre sono state le cerimonie per la beatificazione di un Romano Pontefice. A venire innalzati agli onori degli altari furono infatti nel 1951 Pio X (canonizzato solo tre anni più tardi), nel 1956 Innocenzo xi, e nel 2000, insieme, Pio IX e Giovanni XXIII. Una novità storica, a causa di un’intensificazione agiografica mai prima verificatasi nella Chiesa di Roma e per la quale eventuali precedenti, peraltro molto diversi, vanno cercati in età tardoantica e poi nel medioevo, non a caso nei confronti di Papi riformatori come Leone IX e Gregorio VII.

E proprio alla seconda metà dell’XI secolo bisogna risalire per rintracciare il riconoscimento della santità di un Pontefice da parte del suo immediato successore. Come è successo con la solenne beatificazione — un avvenimento unico, su uno scenario globale — di Giovanni Paolo II. A soli sei anni dalla sua morte, quella morte che è ancora nel cuore di milioni e milioni di persone, credenti e non credenti, come avvenne per l’agonia di Giovanni XXIII.

A spiegare l’unicità di questa beatificazione e l’interesse che ha suscitato nel mondo non sono però soltanto l’eccezionalità della decisione papale — «nel doveroso rispetto» delle norme ma al tempo stesso «con discreta celerità» ha spiegato Benedetto XVI — e la vicinanza temporale al pontificato lunghissimo di Karol Wojtyła. Certo, tutto ciò aiuta a spiegare l’affluenza a Roma di un milione e mezzo di persone e, in parte, il consenso quasi generale con il quale la beatificazione è stata accolta. Nel superamento maturato e convinto, o in un oblio solo superficiale e apparente, delle critiche durissime a cui Giovanni Paolo II venne sottoposto durante il pontificato, tempi drammatici ed esaltanti che sono ora consegnati alla storia.

Anni e opere di cui già si inizia a valutare e riconoscere storicamente l’incisività e la rilevanza, accennate da Benedetto XVI. Il Papa ha infatti detto che Giovanni Paolo II, erede del concilio Vaticano II e di Paolo VI, ha invertito «con la forza di un gigante — forza che gli veniva da Dio — una tendenza che poteva sembrare irreversibile»: quella cioè della chiusura nei confronti di Cristo, unico Signore e salvatore del mondo. Dando alla Chiesa un orientamento rinnovato: «Quella carica di speranza che era stata ceduta in qualche modo al marxismo e all’ideologia del progresso, egli l’ha legittimamente rivendicata al Cristianesimo, restituendole la fisionomia autentica». Che la rivolge verso il futuro di Cristo, l’unico capace di rispondere alle attese del cuore umano e punto finale della storia.

Ma al di là della grandezza di un Papa — e dell’umiltà ancora più grande del suo successore, che con visibile commozione ha ricordato Giovanni Paolo II — a spiegare l’unicità della sua beatificazione è stata soprattutto la dimensione della fede: la fede di Pietro, com’è stata descritta da Benedetto XVI. Tra lo sventolare di bandiere e nel ripetersi degli applausi, tra lacrime di gioia irrefrenabili e diffuse, in un entusiasmo che dopo la proclamazione ha lasciato il posto a un silenzio impressionante. Nella preghiera a Dio davanti al nuovo beato. Beato perché, come Maria e come Pietro, ha creduto e si è affidato al Signore.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE