Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La dinamica del vero rinnovamento

· Benedetto XVI durante la celebrazione crismale indica a la parola che rivela il Figlio e ci mostra la strada ·

Destinata ai profughi siriani la colletta per la carità del Papa raccolta nella messa nella cena del Signore

È nel conformarsi a Cristo il vero rinnovamento della Chiesa. Puntuale la risposta di Benedetto XVI «a un gruppo di sacerdoti in un Paese europeo» che di recente «ha pubblicato un appello alla disobbedienza, portando al tempo stesso anche esempi concreti di come possa esprimersi questa disobbedienza», con la pretesa di rinnovare la Chiesa. E, in modo significativo, essa è giunta durante la messa crismale — presieduta questa mattina, giovedì santo, nella basilica di San Pietro — durante la quale i sacerdoti sono chiamati a rinnovare le loro promesse di consacrati. Promesse, ha ricordato il Papa, che implicano da una parte un «legame interiore, anzi, una conformazione a Cristo», il quale ha reso credibile la sua intera missione nell’umiltà della Croce, e dall’altra «la rinuncia all’autorealizzazione».

Dunque anche ammettendo la possibilità che i firmatari dell’appello siano stati mossi «dalla sollecitudine per la Chiesa» Benedetto XVI ha invitato a riflettere piuttosto sul come sia possibile realizzare questa conformazione a Cristo «nella situazione spesso drammatica della Chiesa oggi». La tentazione della disobbedienza, ha spiegato il Papa, appare piuttosto «soltanto come la spinta disperata a fare qualcosa, a trasformare la Chiesa secondo i nostri desideri e le nostre idee». Forse perché la figura di Cristo «ci appare a volte troppo elevata e troppo grande, per poter osare prendere le misure su di lui».

In soccorso vengono le grandi figure ecclesiali, la lunga schiera dei santi e dei martiri che hanno saputo conformarsi a Cristo e «che ci precedono — ha detto il Pontefice — a indicarci la strada» a dirci «come si fa».

E, riprendendo un argomento sollevato proprio dagli oppositori, cioè l’ordinazione delle donne, Benedetto XVI ha richiamato il magistero di Giovanni Paolo II, il quale «ha dichiarato in maniera irrevocabile che la Chiesa, al riguardo, non ha avuto alcuna autorizzazione da parte del Signore». Un riferimento forse non casuale a Papa Wojtyła, un Pontefice molto amato ancora oggi, il quale ci ha donato «un tesoro di documenti», tuttavia «lontano — ha fatto notare Benedetto XVI — dall’essere sfruttato fino in fondo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE