Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Fatica
e gioia del dialogo

· L’incontro dei vescovi per le relazioni con i musulmani in Europa ·

«In quest’anno che segna il cinquantesimo anniversario di Nostra aetate, siamo più che mai convinti che il dialogo interreligioso, e nel nostro caso il dialogo tra cristiani e musulmani, non solo è necessario per costruire la pace, ma è un imperativo della nostra fede». Lo affermano i vescovi e delegati per le relazioni con i musulmani in Europa nel messaggio (intitolato La fatica e la gioia del dialogo) diffuso a conclusione del loro incontro svoltosi dal 13 al 15 maggio a Saint Maurice, in Svizzera, sul tema «Come cambiano i musulmani in Europa». L’islam è «una religione ricca e varia nella sua tradizione, con molte scuole di pensiero. Tuttavia, come tutte le religioni, si trova ad affrontare sfide di radicalizzazione nel contesto contemporaneo. Per superare la radicalizzazione — scrivono — abbiamo bisogno della libertà di religione e del suo principio fondamentale, la libertà di coscienza. L’educazione religiosa gioca un ruolo importante nel rafforzamento della propria identità religiosa nel pieno rispetto delle convinzioni religiose degli altri. Aiuta anche a costruire la solidarietà con gli emarginati, i perseguitati e le vittime della radicalizzazione qualsiasi sia il loro credo».

Nella tre giorni di lavoro, la rete europea dei responsabili per il dialogo con le comunità musulmane del continente si è confrontata sull’origine e le cause del fenomeno di radicalizzazione di alcune comunità musulmane in Europa e ha condiviso alcune esperienze di dialogo in corso in particolare in Spagna, Svizzera, Germania, Francia e Bosnia ed Erzegovina. Il dibattito è stato guidato dall’arcivescovo di Bordeaux, cardinale Jean-Pierre Ricard, con il contributo fra gli altri del cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso. «Penso — ha detto Tauran — che i musulmani siano molto fieri della loro religione, mentre noi cristiani abbiamo bisogno di recuperare questo senso profondo della fede nella nostra vita». Il dialogo interreligioso è «un’occasione per approfondire la propria fede. Non si può imbastire un dialogo sull’ambiguità. Devo dire al mio interlocutore musulmano: io sono cristiano, credo in Gesù e vivo in conseguenza di questo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE