Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La croce e la Chiesa

La visita a Cipro di Benedetto XVI è stato un successo da ricordare, come ha detto lo stesso Papa nel congedarsi dal Paese. Come sempre, sono parole scelte attentamente e non si riferiscono soltanto alla riuscita esteriore, che è innegabile, del viaggio, ma soprattutto al suo significato più profondo. Il sedicesimo itinerario internazionale del pontificato — esplicitamente presentato come una continuazione di quello in Terra santa — è stato infatti importante innanzi tutto per la grande isola mediterranea, che festeggia il cinquantesimo dell'indipendenza e soffre tuttora di una divisione innaturale. Come ha mostrato la stessa ubicazione della nunziatura, dove il Papa ha vissuto in questi giorni e che è compresa nella zona cuscinetto controllata dai militari delle Nazioni unite nel cuore di una capitale spezzata.

Ma la portata del viaggio, in un Paese ortodosso, è storica per l'avvicinamento ulteriore a un'autorevole e veneranda Chiesa sorella, che sotto la guida dell'arcivescovo Crisostomo ii si è impegnata con decisione nel cammino ecumenico. Un processo interno alle confessioni cristiane che costituisce anche un'indicazione e guarda al futuro in una regione — come il Vicino e il Medio Oriente — tormentata e troppo spesso insanguinata, dove l'unico percorso realistico per una pace reale e duratura è il confronto a tre fra cristiani, musulmani ed ebrei. Nonostante il riesplodere continuo della violenza in uno stato di tensione che sembra insormontabile, e anche di fronte alle ombre di episodi orribili come il massacro e l'assassinio di un uomo inerme, monsignor Luigi Padovese, testimone coraggioso della verità e della pace di Cristo.

È il mistero della croce, di cui Benedetto XVI ha parlato in un'omelia memorabile ricordando in primo luogo che l'uomo non può salvare se stesso dalle conseguenze dei propri peccati: croce che allora non è tanto segno di sofferenza e di fallimento, quanto il simbolo più eloquente di cui il mondo ha bisogno. Proprio perché esprime la rivincita, compiuta da Cristo, su ogni male, compreso l'ultimo nemico che è la morte, significando la vera speranza che non delude. E oggi nel Vicino e Medio Oriente — ha detto il Papa con la sua forza mite — irradia questa speranza ogni cristiano che abbraccia la croce e si affida al suo mistero, non abbandonando, nonostante difficoltà e persecuzioni crescenti, i luoghi dove la Chiesa è nata ed è fiorita nei primi secoli.

Secondo una tradizione che risale addirittura agli apostoli, i cattolici e i cristiani — ma anche chiunque abbia a cuore i diritti dell'uomo, a iniziare dalla libertà di coscienza e di religione — non devono dimenticare i loro fratelli che vivono in questa parte del mondo. A loro sarà dedicata la prossima assemblea speciale del Sinodo dei vescovi, il cui documento di lavoro è stato consegnato dal Papa ai rappresentanti delle comunità cattoliche. È un testo che conferma il realismo della Chiesa e la sua disponibilità a costruire società dove la convivenza pacifica sia davvero possibile. Grazie al mistero della croce, segno della speranza portata da Cristo e testimoniata dalla Chiesa per il mondo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE