Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La corte suprema sostiene Maduro

· Cento feriti a Caracas nel corso delle proteste ·

Sale la tensione in Venezuela. La corte suprema ha dichiarato ieri che il presidente Nicolás Maduro ha il diritto di convocare un’assemblea costituente senza che sia necessario indire prima un referendum popolare. La sentenza rischia di acuire il clima di scontro politico che ormai da mesi infiamma il paese in preda a una gravissima crisi economica e sociale. Secondo il testo della sentenza approvata dal tribunale supremo di giustizia di Caracas, considerato vicino al governo di Maduro, «non risulta necessario, né costituzionalmente obbligatorio, un referendum consultivo precedente alla convocazione di una assemblea nazionale costituente». 

Nonostante l’articolo 347 della costituzione venezuelana, secondo il quale è il popolo sovrano che deve convocare un’assemblea costituente, l’alta corte ha sottolineato che Maduro, in quanto presidente democraticamente eletto «esercita indirettamente, in quanto suo rappresentante, la sovranità popolare». Era stata proprio una decisione della corte suprema, che pochi mesi fa aveva cercato di esautorare il parlamento (in mano all’opposizione) annullando tutte le sue decisioni, a scatenare le proteste di piazza che vanno avanti ancora oggi. Ieri almeno cento persone sono rimaste ferite nei nuovi tafferugli tra manifestanti e polizia scoppiati a Caracas. Le violenze sono esplose dopo che la polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere la folla. Dall’inizio di aprile, sessanta persone sono state uccise e più di mille ferite nelle proteste contro il governo. I manifestanti e i partiti di opposizione chiedono elezioni immediate e riforme strutturali per far ripartire l’economia. Basti pensare che ieri il bolivar, la moneta venezuelana, è crollata, svalutandosi del 64 per cento. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE