Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La corale più antica

· Edito da Deutsche Grammophon il nuovo cd della Cappella musicale pontificia ·

«Spesso serpeggia la convinzione che la Chiesa cattolica, con la riforma della liturgia voluta dal concilio Vaticano ii, abbia rinunciato al suo grande patrimonio musicale» scrive, senza mezzi termini, Massimo Palombella nella presentazione del cd Cantate Domino. La Cappella Sistina e la musica dei Papi, registrato dalla Cappella musicale pontificia sotto la volta della Cappella Sistina edito da Deutsche Grammophon, in commercio dal 25 settembre.

La copertina del cd

«Occorre però onestamente affermare — continua il maestro direttore della Cappella musicale pontificia — che solo una conoscenza superficiale e ideologica della riforma liturgica può portare a tali gratuite affermazioni». E il cd Cantate Domino, che sarà presentato da un concerto il 29 settembre alle ore 18 nella Cappella Sistina, vuole contribuire a smentire questo pregiudizio.

Tutta la musica contenuta nel disco è oggi usata regolarmente dalla Cappella musicale pontificia nelle celebrazioni del Papa, spiega Palombella. «Ciò che la riforma liturgica del Vaticano ii chiede è un’intelligente ricollocazione dello storico repertorio musicale nell’attuale liturgia, ricollocazione che deve avvenire con una “specifica attinenza celebrativa”». Questo «esige — continua Palombella — riflessione, studio, conoscenza delle fonti e insieme serio dialogo con la cultura contemporanea per operare quella vitale sintesi che la liturgia in ogni momento storico ha attuato».

La Cappella musicale pontificia, meglio nota come Sistina, è la più antica istituzione corale del mondo e ha seguito la vita liturgica del Papato in tutti i suoi storici sviluppi. In un momento particolare del Rinascimento ha avuto tra i suoi cantori Giovanni Pierluigi da Palestrina, Luca Marenzio, Cristóbal de Morales, Costanzo Festa, Josquin Desprès, Jacob Arcadelt e Gregorio Allegri. Il luogo dove ordinariamente la Cappella svolgeva il suo servizio era l’Oratorio annesso al Palazzo apostolico, fatto costruire da Sisto iv, noto come Cappella Sistina e famoso per gli affreschi di Perugino, Pinturicchio, Signorelli, Botticelli, Ghirlandaio, nonché per la parete di fondo con il memorabile Giudizio universale e la Volta di Michelangelo.

Proprio in questo Oratorio, spiega sempre Palombella presentando il cd, è stato eseguito tanto repertorio rinascimentale composto per le celebrazioni papali, repertorio scritto quindi per un preciso ambiente acustico assolutamente particolare e unico. Il disco si prefigge di riunire le più alte forme espressive del Rinascimento romano, cosa che si pone anche come un’interessante sfida per il recupero di una certa pertinenza estetica della vocalità rinascimentale come del canto gregoriano.

«Infatti — continua il maestro Palombella — cantare nel luogo dove il Rinascimento si è manifestato nella sua forma compiuta, in affreschi con intensi e insieme delicati colori, un repertorio scritto per la Liturgia — una realtà viva, che in ogni momento storico ha sempre operato una sintesi culturale — obbliga a ricercare con attenzione gli elementi estetici che costituivano essenzialmente questo particolare tipo di musica. Ciò ha condotto lentamente la Cappella musicale pontificia, in questi ultimi anni, all’eliminazione dei contralti, sostituiti da un gruppo di tenori che canta da altus, con la conseguente applicazione della regola rinascimentale del trasporto che permette a ogni voce di cantare nella tessitura più consona e quindi con una vocalità leggera; all’uso di un tactus dinamico che, oltre ad assicurare un doveroso corretto rapporto tra prolazioni, evidenzia plasticamente il testo; a un’attenzione meticolosa e orizzontale al fraseggio, che permette una sapiente articolazione dei suoni; all’uso degli “affetti” e delle “messe di voce”, aspetti estetici che, usati e disciplinati esclusivamente a servizio del testo, conferiscono vita, pulsazione, colore alla musica sacra del Rinascimento allontanandola decisamente da una visione in bianco e nero — tipica di molte esecuzioni del nord Europa — e da una tardo romantica, operistica, nella quale per molti, troppi, anni la Cappella musicale pontificia si è identificata, credendo di trasmettere ai posteri l’unico vero stile della scuola romana». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE