Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per la conversione
dei terroristi e dei trafficanti
di armi

· Nella domenica delle Palme la preghiera del Pontefice dopo gli attentati contro la comunità copta in Egitto ·

«Il Signore converta il cuore delle persone che seminano terrore, violenza e morte, e anche il cuore di quelli che fanno e trafficano le armi»: scosso per le drammatiche notizie che cominciavano a giungere anche in piazza San Pietro dall’Egitto, Papa Francesco ha pregato per le vittime degli attentati contro i cristiani copti nella domenica delle Palme. 

Le sue parole sono risuonate la mattina del 9 aprile, prima dell’Angelus con cui ha concluso la messa sul sagrato della basilica vaticana in occasione della trentaduesima giornata mondiale della gioventù, celebrata quest’anno a livello diocesano. «A Cristo, che oggi entra nella Passione, e alla Vergine Santa» il Pontefice ha affidato sia «le vittime dell’attentato terroristico avvenuto venerdì scorso a Stoccolma» sia «quanti sono ancora duramente provati dalla guerra, sciagura dell’umanità». E a questo punto, informato di uno degli attacchi che hanno seminato la morte nel Paese in cui si recherà il 28 e il 29 aprile prossimi, Francesco ha voluto esprimere «al caro fratello, Sua Santità Papa Tawadros II, alla Chiesa Copta e a tutta la cara nazione egiziana» il proprio «profondo cordoglio» assicurando preghiere «per i defunti e per i feriti» e vicinanza «ai familiari e all’intera comunità».

L’Angelus del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE