Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La conquista di Parigi non salva Hollande dal tracollo

· Netta affermazione del centro-destra nel ballottaggio per le municipali ·

Parigi, 31. Netta affermazione del centro-destra e crollo dei socialisti — anche se conservano Parigi — nel secondo turno delle elezioni amministrative di ieri in Francia. 

La maggioranza delle preferenze nel ballottaggio è andata all’Unione per un movimento popolare (Upm, con il 45,9 per cento), contro il 43 per cento del Partito socialista (Ps), di François Hollande. Al terzo posto si colloca il Fronte nazionale (Fn) di Marine Le Pen, che ottiene il 6,84 per cento dei voti e oltre dieci comuni.

Due anni dopo il ritorno all’Eliseo, e alla vigilia di elezioni europee che si annunciano proibitive per il Governo, per i socialisti si preannunciano tempi molto duri.

Il centro-destra ha subito chiesto un immediato cambiamento di rotta, e già oggi — secondo quanto pubblicato sul quotidiano «Le Monde» — è previsto un rimpasto di Governo, con il ritorno annunciato di Ségolène Royal. La netta vittoria di Anne Hidalgo, da ieri sera la prima sindaco donna di Parigi, ai danni della rivale dell’Ump, Nathalie Kosciusko-Morizet, e le conferme dei candidati di sinistra a Lione, Strasburgo, Lille, Nantes e Digione, non hanno cancellato la sconfitta di enormi proporzioni del Partito socialista e dei suoi alleati. La gauche — in un ballottaggio segnato da un astensionismo record, che ha sfiorato il 40 per cento degli aventi diritto — ha infatti subito una vera e propria disfatta elettorale. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE