Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La conferenza stampa del Papa

· Durante il volo di ritorno a Roma il Pontefice risponde per oltre un’ora alle domande dei giornalisti ·

Durante il volo di ritorno da Ciudad Juárez a Roma, per oltre un’ora il Pontefice ha risposto a dodici domande rivoltegli dai giornalisti. 

Molto diversi tra loro i temi trattati: la violenza che flagella il grande Paese appena visitato, gli abusi sessuali su minori commessi da ecclesiastici, la questione delle migrazioni nel contesto delle elezioni presidenziali statunitensi, l’incontro con Cirillo, il dibattito sulle unioni civili, gli aspetti morali dell’epidemia di zika, il futuro dell’Europa, la famiglia, l’anno santo straordinario, il rapporto di Giovanni Paolo II con le donne, i viaggi papali, la devozione verso la Vergine di Guadalupe.

A proposito degli abusi, in particolare, Francesco ha voluto rendere un nuovo omaggio al suo predecessore e alla determinazione con cui ha affrontato la questione sin da quando era prefetto della Congregazione per la dottrina della fede. Il Papa ha poi assicurato vicinanza spirituale agli ortodossi in vista del concilio a Creta, ribadendo la gioia per l’incontro con il «fratello» Cirillo. Sull’epidemia di zika il Pontefice ha ribadito che l’aborto è un crimine. Per quanto riguarda le famiglie ferite, Francesco si è richiamato ai due sinodi e all’imminente esortazione apostolica per riaffermare la necessità di integrarle nella vita della Chiesa. Prendendo infine spunto dall’amore per la Vergine di Guadalupe, ha parlato con ammirazione della fede del popolo messicano.

Sul sito della Santa Sede il testo della conferenza stampa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE